venerdì, 18 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Le radici del nostro malessere. I difficili passaggi. Un liberale anarchico. Dante ‘rivisitato’
Pubblicato il 19-12-2016


Piero Craveri è uno storico di lungo corso. Ha insegnato negli atenei di Roma, Genova, Messina e Napoli. In quest’ultima città ora è professore emerito all’Università Suor Orsola Benincasa ed è anche presidente della Fondazione Benedetto Croce. Si occupa di storia contemporanea da oltre quarant’anni e il suo libro, uscito da pochi giorni, “L’arte del non governo” (Marsilio) rappresenta una rilettura lucida della storia d’Italia dal dopoguerra ad oggi, con tutti i problemi ,politici,economici e sociali irrisolti che conosciamo.
A scorrere l’indice del voluminoso saggio (quasi 600 pagine) i temi analizzati ci sono tutti: dalla storia dei partiti alla “forma di governo” nella Costituzione, dall’opera incompiuta di De Gasperi,al fallimento del centro sinistra e al mancato consolidamento della struttura economica italiana, alla crisi degli anni ’70, alle “occasioni mancate” degli anni ’80, al declino della cosiddetta Seconda repubblica . Da questa rigorosa analisi emerge in primo luogo l’incapacità di una classe dirigente a dirigere un paese industriale, l’invadenza dei partiti sulle istituzioni, a cominciare dal governo. L’autore osserva che non la crisi degli ultimi decenni non è attribuibile solo alla difficile congiuntura economica ,alla crisi internazionale ma soprattutto alle forze politiche che non hanno saputo affrontare, per smaccate ragioni di parte, la questione centrale della stabilità della democrazia italiana, anche perché non hanno messo in campo quelle necessarie riforme per rinnovare le nostre istituzioni. E’ da questi antichi nodi irrisolti che nasce il profondo malessere di oggi e il pericoloso declino della nostra repubblica. Un libro che lascia, leggendolo, una profonda amarezza e rivela anche il grande coraggio di uno studioso che ha saputo individuare le ragioni profonde del nostro malessere.
Un’altra storica seria, Mariuccia Salvati (ha insegnato per molti anni all’Università di Bologna) si è occupata di un altro importante capitolo della storia repubblicana nel saggio “Passaggi – Italiani dal fascismo alla Repubblica” (Carocci editore). Passaggi? Sono quelli affrontati dagli italiani nel primo Novecento e nel secondo dopoguerra, con particolare attenzione al loro rapporto con il fascismo, la guerra, il crollo del regime, la Resistenza, la scelta della Repubblica. Passaggi collettivi, di massa, ma anche individuali.
Il saggio concede largo spazio anche alla questione del linguaggio: un linguaggio di verità, di realismo, di concretezza, riscoperto, fra l’altro, nei testi di grandi giornalisti e scrittori, come Alvaro, Savinio, Bontempelli, De Ruggiero, Moravia, Brancati. L’analisi dell’autrice ruota però attorno alla guerra ,passaggio necessario per la formazione di una nuova classe politica, democratica, antifascista. Una classe politica nata nel dopoguerra, con meriti largamente superiori alle generazioni di politici seguite dopo, soprattutto negli anni più vicini a noi (e qui ritorna in campo la dissacrante analisi di Craveri) .
Ancora uno storico, questa volta molto giovane: Alberto Mingardi,dell’Università di Milano, che ha scritto un bellissimo saggio su una figura avventurosa e avvincente del mondo culturale inglese (“Thomas Hodgskin, discepolo anarchico di Adam Smith”, Marsilio), poco nota al grande pubblico. Merito dell’autore è di aver riscoperto questo storico intellettuale (1787- 1869), la cui prima biografia è dovuta ad Elie Halèvy (1870-1937) che accostò Hodgskin a Karl Marx. E quest’ultimo lo apprezzò, al punto da definire le sue opere “ fra le produzioni significative dell’economia politica inglese”. Il titolo dà un’idea telegrafica del pensiero di questo stravagante intellettuale, ma ha il pregio di dar conto della forte influenza esercitata su di lui da Adam Smith, ma anche della natura anarchica del suo pensiero. Una contraddizione? Certo, ma collima perfettamente col profilo del personaggio analizzato.
Infine, vorremmo segnalare una monumentale opera in tre volumi della Divina Commedia, con la revisione del testo e commenti di Giorgio Inglese (docente di letteratura italiana all’Università La Sapienza di Roma). Il cofanetto, con i tre volumi della “Commedia“ (Inferno, Purgatorio, Paradiso), pubblicato da Carocci, riassume i testi di un grande esperto del poema dantesco, per la prima volta, in un insieme organico. Non c’è lettura di Roberto Benigni e di altri più esperti “lettori” della Commedia in grado, come questo lavoro di un insigne studioso,di far capire veramente i versi del maestro Alighieri.

Aldo Forbice

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Carissimo Aldo
    Dopo averti seguito con grande interesse sulla radio, ora i lettori dell’Avanti hanno il privilegio di seguire le tue acute analisi accompagnate da queste dotte sintesi storiche e sociologiche. Ciò che più di ogni altra cosa oggi mi preoccupa è il futuro dei miei figli e nipoti in quanto a differenza di quanto fecero alcuni degli autori che hai citato oggi non c’è un pensiero o un gruppo di pensatori organizzato in grado di porsi ad elaborare i meccanismi per la definizione di un nuovo Modello di Sviluppo che sappia conciliare il progresso tecnologico derivante dall’era della conoscenza, che sta azzerando tanti lavori e professioni, con la vitale necessità di consentire a tutti di avere un lavoro dignitoso. Pensi che le idee di Thomas Pcketty unite ad altre potrebbero svolgere questo compito??
    Grazie per la tua preziosa collaborazione e tanti auguri di ogni bene
    Nicola Olanda

Lascia un commento