domenica, 22 gennaio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nicola Olanda
Rilanciamo, difendiamo
e sosteniamo la voce dei Socialisti
Pubblicato il 12-12-2016


Ai primordi del Socialismo italiano fu l’Avanti! e non il PSI a svolgere il ruolo politico normalmente affidato ai Partiti politici. Ricordo che ai tempi della Prima Repubblica il nostro Avanti si trovava giornalmente nelle edicole e i Socialisti ne promuovevano la vendita straordinaria dell’edizione della Domenica.
Per molti di noi è difficile accettare l’idea che il PSI, come l’abbiamo conosciuto, non potrà più ritornare e lo stesso dicasi per la funzione affidata all’Avanti!.
Le cause sono molteplici, e ne abbiamo a lungo discusso, ma in generale e per quanto ci riguarda ne cito a mio avviso le seguenti:
la mutazione del soggetto “Partito politico” in generale l’accettazione da parte degli elettori del Sistema politico bipolare che con l’avvento dei 5 Stelle è ora diventato tripolare
l’adesione del PD al Partito Socialista Europeo (PSE) che ha condotto i Media a identificare strumentalmente il PD come il rappresentante dei Socialisti italiani. Pertanto, di fronte a quest’ultimo quadro, più che un Partito socialista veniamo considerati soltanto come una nobile Fondazione della Cultura Socialista, a cui però riesce problematica se non impossibile esprimersi e far così sentire la propria voce.

Cosa dobbiamo fare allora??
Mi soffermo solo su un’azione basilare e indispensabile: non rinunciare a fare conoscere le nostre opinioni e a sviluppare le nostre idee e proposte. In sintesi: continuare a fare sentire la nostra voce, e l’Avanti, come lo è stato alla sua nascita, deve tornare e continuare ad essere la Voce dei Socialisti.
Nella sua storia, il nostro “ Avanti!” ha subito tante devastazioni da cui con il lavoro dei socialisti e la generosità dei suoi lettori è sempre risorto.
Di recente disponiamo dell’“ Avanti! on line ”.

Per me, e sono sicuro per tutti coloro che si collegano con l’Avanti! on line, è come avere ritrovato una Casa Socialista. Questa sensazione e questa passione politica che si rianima, l’avvertiamo anche perché molte Sezioni sono scomparse, e in quelle poche rimaste il dibattito e l’azione politica trovano difficoltà a manifestarsi. L’Avanti on line è diventato pertanto una vera Tribuna Politica Socialista.

Noi Socialisti, come nel solco tradizionale del dibattito all’interno della Sinistra, abbiamo spesso privilegiato il comportamento settario anziché quello di Comunità.
Se posso fare una battuta rispetto alla nostra odierna consistenza, noi Socialisti ci siamo dimenticati che il premio Nobel relativo alle teorie sulla scissione dell’atomo è già stato assegnato ad un grande fisico del passato come Enrico Fermi.
Il clima che stiamo vivendo nella nostra Comunità, ed in anche quella del PD, non aiuta nessuno se non i nostri avversari politici che non dobbiamo dimenticare di collocare nel centro destra.
La passione politica, anche se porta ad un confronto aspro, non deve compromettere lo spirito comunitario che deve esprimersi in una ricomposizione fruttuosa di sintesi delle posizioni in conflitto.

E’ un appassionato invito che rivolgo a maggioranza e minoranze. Il nostro Direttore Mauro Del Bue, pur designato dalla Direzione, ha dimostrato di sapere svolgere con equilibrio il difficile ruolo di dirimere il traffico in una cittadella indisciplinata e passionale come quella socialista.
Auspicando che ciò si realizzi nei Partiti impegniamoci a far si che prevalga invece nell’Avanti!.
Le opinioni e i commenti sulle sue colonne devono aderire al codice del rispetto, affinché tutte le posizioni possano essere espresse e rappresentate anche nella terminologia della buona educazione, in quanto le idee non possono trasformarsi nella categoria della spazzatura che riempie la rete. Ciò non per connotare l’Avanti! come un Organo elitario, ma per farlo continuare ad essere il custode dei suoi valori ideali e del rispetto che occorre riservare alla Politica con la “P” maiuscola.

Il mio appello di “Rilanciamo e Difendiamo l’Avanti!” desidera riferirsi ai nostri valori mentre quello di “Sosteniamo” è rivolto al contributo economico che non dobbiamo dimenticare di fare affluirgli, se desideriamo che oltre alla chiusura dei rubinetti per il finanziamento all’attività politica, che in modo demagogico e qualunquistico sono stati chiusi, possano prosciugarsi anche quelli per dare voce alle idee dei Socialisti.
L’Avanti! è la nostra Voce. Sta a noi permettere che essa continui ad esprimersi.
Come ogni anno sto andando a fare il mio versamento di sostegno economico.
O singolarmente, o in gruppi di compagni facciamo in modo che vi sia una grande partecipazione.
Anche se modesto come versamento, il numero dei contribuenti segnalerà il grado della volontà di assicurare un avvenire all’Avanti! e quindi alla nostra Voce. È un’iniezione di coraggio che dobbiamo fare affluire nelle nostre vene.

Vi abbraccio tutti quanti con l’augurio di buone feste e di serenità e salute assieme alle vostre Famiglie

Nicola Olanda
Je suis socialiste

Il sostegno economico all’Avanti! si può fare con Bollettino Postale: c/c nr. 87291001
intestandolo a Nuova editrice Mondoperaio srl
indicando come Causale “ contributo per l’Avanti! ”

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento