lunedì, 27 marzo 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

OK Corral
Pubblicato il 07-12-2016


Lo spettacolo che offrono le forze politiche, all’indomani del referendum, non è proprio edificante. Alfano, con eroismo da coniglio, vuole andare, forte del 40% che appartiene, per la proprietà transitiva, anche a lui, propone di andare alle elezioni immediatamente dopo la festività, con l’italicum, per cercare una impossibile e del tutto irrituale rivincita. L’opposizione Pd, sconvolta dalla sua vittoria, dopo anni, anzi decenni di mancate vittorie e di autentiche sconfitte, propone di rinviare ogni cosa al 2018. I grillini, con spudoratezza senza pari, puntano, come Alfano al voto subito e con l’italicum così com’è o ritoccato il meno possibile, infischiandosi del fatto di avere vibratamente contestato il sullodato sistema elettorale e in nome della democrazia. Altri, non mi ricordo più chi (e gli faccio un favore…) invitano “quelli del no” a formare il nuovo governo; provocazione tanto cretina da non essere nemmeno degna di questo nome. Altri sussurrano di larghe intese; scambiando i propri desideri con la realtà.
E però i due problemi- quello del governo e quello della legge elettorale- così come quello, collaterale della data delle elezioni non sono, oggettivamente, difficili da risolvere; almeno se intendiamo riferirci alla lettera e allo spirito di una costituzione che il popolo italiano ha, qualche giorno fa, deciso di difendere.
Essendo l’Italia una repubblica parlamentare e non presidenziale e/o plebiscitaria, governa chi ha una maggioranza in parlamento. Questa maggioranza esiste; ed è formata dal Pd e dalla Cosa guidata da Alfano e sostenuta da Verdini. Ma esiste numericamente solo perché non ne esiste un’altra. Ma non politicamente: perché la persona che ne è, e non metaforicamente, la guida ha, correttamente, interpretato il risultato di un referendum su cui, scorrettamente aveva impegnato in prima persona se stesso e il suo governo, rassegnando irrevocabilmente le sue dimissioni.
Che, poi, questa stessa persona intenda trascinare il Pd nel suo desiderio di vendetta per arrivare alle elezioni a febbraio prima ancora di avere la nuove legge elettorale è personalmente comprensibile ma istituzionalmente scellerato.
Mancando, allora, la soluzione politica ed essendo impensabile andare alle elezioni con questo governo e con questa legge elettorale, l’unica soluzione praticabile è quella del governo istituzionale. Intendendo per tale un governo incaricato di fare i passi necessari prima di portare il paese alle urne: una nuova legge elettorale, possibilmente valida per la Camera e per il Senato (nel secondo caso, con l’introduzione della dimensione regionale prevista nella Costituzione); una ragionevole sistemazione delle questioni urgenti, la legge di stabilità e così via. Quanto necessita per scavallare l’Ok Corral di febbraio ma non per arrivare alla scadenza del 2018; diciamo allora un ricorso alle urne nell’arco primavera-autunno del 2017 con un governo custode delle regole del gioco, ma non arbitro o giocatore in campo. (Quindi niente governo tecnico, alla Monti; e niente governo “balneare”, perché siamo in inverno e perché c’è troppo da “decantare”. e niente governo di larghe intese, perché questi si costruiscono ad urne chiuse e non ad urne lontane).
In quanto alla legge elettorale, l’unica possibilità di avere un testo condiviso e, soprattutto, un sistema duraturo nel tempo, è un passo indietro dei partiti. leggi la rinuncia reciproca alla pretesa, questa sì fuori dallo spirito della costituzione, formale o materiale che sia, di formularlo secondo il proprio interesse contingente. Tra l’altro, lo scandaloso, ripeto scandaloso voltafaccia grillino; che fa il paio con la conversione brusca del Pd al proporzionale con premio di coalizione. Ora, per nostra fortuna, le due sentenze della Corte, quella del 2014 sul Porcellum e quella del gennaio 2017 sull’Italicum possono offrirci l’impianto-base da cui partire.
E qui una valutazione spassionata della situazione che viviamo suggerirebbe due cose. La prima è di ridurre entro limiti ragionevoli il premio di maggioranza, in modo da evitare ad ogni costo che un partito conquisti, con il 30% dei voti, la maggioranza assoluta dei seggi. La seconda è di puntare sul correttivo a favore del partito e non della coalizione. E per ragioni, insieme, di etica e di opportunità politica. L’etica ci consiglierebbe di evitare, magari con precisi vincoli legislativi, la creazione di coalizioni (ricordo in proposito, incerto tra il riso e il pianto, la sorte miserrima di “Italia bene comune) non basate su chiare opzioni politico-programmatiche da presentare agli elettori. L’opportunità politica ci porterebbe di evitare al povero Pd, già disastrato e sbalestrato di suo, la drammatica necessità di scegliere tra Verdini e Fassina…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento