lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

PES. Contro l’HIV la lotta deve andare avanti
Pubblicato il 01-12-2016


hiv-1Oggi, commemoriamo la Giornata mondiale contro l’AIDS in occasione del Consiglio PSE a Praga e in tutta Europa. In questo stesso giorno, abbiamo la possibilità di unire tutto il mondo per la lotta contro l’HIV, sostenere le persone che vivono con l’HIV, ma anche per commemorarne le vittime. Oggi, siamo solidali con i 78 milioni di persone che vivono con l’HIV e ricordiamo i 35 milioni che ne sono morti.

Anche se la consapevolezza delle persone è aumentata negli ultimi anni, il numero di nuove infezioni da HIV, non è in declino tra gli adulti. Le giovani donne sono particolarmente a rischio di contrarre l’infezione da HIV: le ragazze in Africa in transizione verso l’età adulta stanno diventando un gruppo specifico a rischio di fronte ad una minaccia tripla (alto rischio di infezione da HIV, a basso uso di test HIV, e la scarsa aderenza al trattamento per l’HIV, compresi i vaccini IAVI).

Sappiamo anche che le comunità LGBT sono fortemente influenzate dall’HIV / AIDS. Nonostante le differenze, le brutte tendenze devono essere evidenziate: uomini che fanno sesso con gli uomini rappresentano ancora il gruppo più prevalente in termini di nuove contaminazioni. Le prove dimostrano che la popolazione trans, che è la più piccola di numero, è anche molto colpita da infezioni, in particolare per i membri della comunità che vivono in condizioni precarie a causa della stigmatizzazione e la mancanza di riconoscimento del genere legale.

Sierofobia è un’altra forma di esclusione inaccettabile sulla base di ignoranza e stereotipi. Sierofobia si traduce in esclusione sociale in tutti i settori della vita sociale.

Ma non si tratta solo di esclusione sociale. Si fa anche parte di una bomba epidemia che minaccia la salute di milioni di cittadini europei. A causa della stigmatizzazione, paure e tabù, è generalmente e socialmente scomodo da avere una facile conversazione sulle misure preventive quando si è impegnati in un rapporto sessuale. Come decenni di epidemie hanno dimostrato, non vi è un’unica strategia per garantire la prevenzione e fermare l’HIV. Ciò di cui abbiamo bisogno sono misure di prevenzione multi-sfaccettati e campagne mirate ai gruppi più a rischio.

C’è anche la speranza. Grazie a nuovi trattamenti come la IAVI, le persone che vivono con l’HIV esperienza sempre più normali condizioni di salute, con gli effetti secondari dei trattamenti sempre meno problematico. trattamenti regolarmente applicati anche rendere la loro carica virale non rilevabile, che a sua volta significa che il rischio di ulteriori contaminazioni può essere eliminato.

Con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, il mondo è impegnata a porre fine alla epidemia di AIDS entro il 2030. Oltre 18 milioni di persone sono in trattamento per l’HIV salvavita, e sempre più paesi stanno eliminando la trasmissione dell’HIV da madre a figlio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, e il programma delle Nazioni Unite su HIV / AIDS, ha approvato il concetto di “accesso universale” per riconoscere lo status di HIV e il concetto di accesso universale alla prevenzione dell’HIV, il trattamento e la protezione dalla discriminazione in base allo stato di HIV-positivi.

Abbiamo ottenuto molto, ma la nostra lotta deve andare avanti. Noi, i socialisti europei, non possiamo fermarci ora. Dobbiamo fare in modo che tutti i bambini nascano liberi dall’HIV, che i giovani abbiano un facile accesso a strumenti di prevenzione, e che il trattamento diventi accessibile a tutti. Chiediamo al Parlamento europeo di adottare una risoluzione e la Commissione europea di proporre misure concrete e budget adeguati per raggiungere gli obiettivi internazionali in materia per sradicare l’HIV / AIDS.

Comunicato PES

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento