giovedì, 25 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scoppia il caso del ministro dell’Istruzione senza laurea
Pubblicato il 13-12-2016


valeria-fedeliNell’Italia della meritocrazia mancata a far da ‘scuola’ sono le Istituzioni. A meno di ventiquattr’ore dall’annuncio dei ministri del Governo Gentiloni, a finire sotto accusa è proprio uno dei pochi ministeri ‘cambiati’, quello dell’Istruzione.
Sulla biografia ufficiale nel sito della senatrice Valeria Fedeli, che prima di entrare nell’esecutivo ricopriva la carica di vicepresidente del Senato, infatti viene riportato che la Fedeli avrebbe conseguito il diploma di laurea in Scienze Sociali, presso la Scuola per Assistenti sociali Unsas di Milano.
L’ex sindacalista sul suo sito ufficiale dichiara: “Sono nata a Treviglio (Bg) il 29 luglio 1949 (…) Finite le scuole mi sono trasferita a Milano dove ho conseguito il diploma di laurea in Scienze Sociali, presso Unsas (Scuola per assistenti sociali, ndr)”.
Un lettore del sito Dagospia, ha fatto notare però, attraverso una lettera, che il diploma di laurea di scienze sociali in Italia è stato istituito solamente nel 1998, ma in via sperimentale solo a Trieste e Roma, e più a larga scala dal 2000 quando la Fedeli era già segretaria nazionale del sindacato dei tessili. Insomma, siamo di fronte ad un diploma di scuola secondaria scambiato per laurea sulla propria biografia su internet.
Ma non è l’unica bufera che fa storcere il naso a chi si ritrova di fronte al nuovo ministro dell’Istruzione. Quelli con una lunga memoria hanno ricordato come mesi fa la vicepresidente del Senato su Twitter divenne bersaglio di diversi sfottò dopo aver sbagliato un calcolo banalissimo. Tentava di vantare i roboanti numeri della presunta ripresa italiana: “Passando dal -0,4 al +0,6, l’Italia in un anno ha recuperato oltre un punto di Pil”. Una bella cantonata sottolineata subito da Claudio Borghi Aquilini: “Se da 100 vai a 99,6 e poi vai a 100,2 dove lo vedi l’aumento di un punto? Ma studi ripartendo dalle medie – ha attaccato il leghista – Studi qualcosa”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento