venerdì, 22 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scricchiola il Pd renziano
Pubblicato il 09-12-2016


Matteo Renzi è allarmato, allarmatissimo. In poco tempo potrebbe perdere tutto: prima la presidenza del Consiglio e poi la segreteria del Pd. Il trionfo del No al referendum sulla riforma costituzionale del governo con il 59,11%  dei voti è una disfatta micidiale. Renzi deve fronteggiare contemporaneamente l’offensiva delle opposizioni galvanizzate dalla vittoria referendaria e delle minoranze del Pd, anch’esse schierate per il No, alla riscossa contro il presidente del Consiglio-segretario.

Massimo D’Alema prima di tutto ha sollecitato Renzi a cambiare strategia: «Al Pd serve una profonda svolta politica». Poi ha indicato di far rotta verso sinistra: «Un certo disegno neocentrista, il Partito della nazione, è stato battuto insieme alla proposta di riforma costituzionale». L’ex segretario del Pds-Ds, già presidente del Consiglio, non ha rinunciato a una spinosa battuta: «Era lui che voleva rottamare gli altri. Spero che questa passione sia passata a Renzi».

Le sinistre democratiche e il presidente del Consiglio dimissionario si stanno studiando: in ballo c’è il nuovo governo, la segreteria del partito, il candidato premier alle elezioni politiche che, probabilmente, si svolgeranno già l’anno prossimo e non alla scadenza naturale, all’inizio del 2018. Il Pd di Renzi scricchiola: la coabitazione tra la maggioranza renziana e le minoranze, dopo le sanguinose accuse scambiate durante la campagna elettorale, è diventata difficile anche se tutti negano ogni intenzione di scissione.

Anzi, più esattamente, i vari protagonisti assegnano all’avversario la volontà di rottura. Renzi vuol fondare un suo partito? «Può essere», ha detto Pier Luigi Bersani a La7. Anche l’ex segretario del Pd pone un problema di scelte e di identità politica del partito: «Può darsi che c’è l’idea antica che la sinistra sia una zavorra. È un’idea demenziale perché la sinistra va aggiornata».

Sergio Cofferati, Pippo Civati e Stefano Fassina nel 2015 hanno lasciato il Pd accusando il presidente del Consiglio-segretario di essere responsabile di “una svolta neoliberista” e di “una deriva autoritaria”. Tuttavia la loro uscita non ha portato grandi consensi elettorali, in alternative e diverse formazioni di sinistra.

Il presidente del Consiglio dimissionario è sul chi vive e ha promesso battaglia alla direzione del Pd: dopo la soluzione alla crisi di governo «ci sarà un confronto interno duro, molto duro». Renzi non ha digerito che mentre lui si spendeva in comizi ed interviste in favore del Sì al referendum del 4 dicembre, una parte delle sinistre del suo partito facessero il tifo per il No assieme alle opposizioni. Ora sta ragionando su tre obiettivi: 1) mantenere una forte influenza sul futuro esecutivo; 2) essere confermato segretario dal congresso del Pd; 3) gareggiare alle prossime elezioni politiche come il candidato del centrosinistra a Palazzo Chigi.

Guarda con attenzione al 40,89% dei voti ottenuti dal Sì al referendum del 4 dicembre. Spera che questi consensi possano andare, almeno in gran parte, al Pd nelle elezioni politiche. Progetta di pescare voti a sinistra, al centro e anche nella protesta sociale con nuove iniziative sui diritti dei lavoratori. Non solo. Punta ad allargare le alleanze alla costituenda nuova sinistra di Giuliano Pisapia, l’ex sindaco arancione di Milano. Le modifiche all’Italicum potrebbero dare una mano: se, in particolare, il premio di maggioranza venisse assegnato non alla lista ma alla coalizione vincente, il successo potrebbe arrivare alle elezioni.

La strada, però, è piena di ostacoli e di trappole. Anche la maggioranza renziana del Pd non sembra più molto stabile dopo la sconfitta al referendum. Sotto traccia la situazione sarebbe in gran movimento. Il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini potrebbe staccarsi per giocare una partita in proprio come il ministro della Giustizia Andrea Orlando. Il primo ambirebbe ad avere l’incarico di formare il nuovo governo da Sergio Mattarella, mentre il secondo punterebbe ad essere eletto segretario del Pd. Franceschini, leader di una forte corrente in gran parte composta da ex Dc, e Orlando, alla guida di un’altra più piccola formata da ex Ds, potrebbero tentare di costruire  una nuova maggioranza nel Pd con le sinistre democratiche. Il ministro ha respinto con ironia tutte le ipotesi avanzate dai giornali: «Niente male i retroscena. Ieri ho fatto un accordo con Berlusconi, oggi con D’Alema. Anticipo per i giornalisti: domani con Grillo e poi con Salvini».

Il primo giro di boa si avrà quando il presidente della Repubblica conferirà l’incarico di formare il nuovo esecutivo. Se e quando l’uomo incaricato da Mattarella di risolvere la crisi di governo riuscirà a tagliare il traguardo, si potrà tirare un primo bilancio di vincitori e vinti.

Rodolfo Ruocco

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Il quasi 41% non è una percentuale da poco, che può essere ancora capitalizzata per dar eventualmente vita ad un nuovo soggetto politico, Partito della Nazione o come lo si voglia chiamare, e lo dico da osservatore e non da simpatizzante per una tale formazione, che peraltro ho visto sempre all’orizzonte, o dietro l’angolo, come mi è capitato più volte di scrivere durante la campagna elettorale, anche su questo giornale.

    Le due incognite che a mio avviso “incombono” oggi su un tale progetto sono, da un lato, il fatto che quando comunque si perde una sfida, c’è chi è tentato di “abbandonare la nave”, e, dall’altro, che la forza politica derivante da detto 41% potrebbe non avere una potenzialità numerica tale da passare al primo turno con questa legge elettorale, e il ballottaggio potrebbe riservare a sua volta qualche sorpresa.

    Il mio ragionamento, giusto o sbagliato che sia, nasce dalla considerazione che tutti i voti referendari difficilmente potranno trasformarsi in voti politici, tali cioè da arrivare alla soglia del 40% come prevede oggi l’Italicum per non andare al secondo turno, mentre se l’insuccesso del SI’ fosse stato di misura la possibilità di ricavarne un partito che raggiungesse tale soglia sarebbe rimasta intatta o appena scalfita.

    Tutto, o quasi, è pertanto nelle mani delle modifiche che verranno apportate all’Italicum, e questo vale per il futuro, ma guardando al recente passato io continuo a domandarmi che spazio e peso, e dunque avvenire, poteva avere il PSI – inteso come forza che volesse mantenersi autonoma – a fianco della nuova formazione politica, di certo di tutto rispetto sul piano numerico, che sarebbe giocoforza sorta se il SI’ avesse prevalso, e semmai prevalso anche di molto, a meno di non aver messo in ipotesi la possibilità di confluirvi.

    Paolo B. 10.12.2016

Lascia un commento