giovedì, 29 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Banche: Padoan: “Vicini a un punto di svolta positivo”
Pubblicato il 12-01-2017


Padoan“Siamo vicini a un punto di svolta positivo”. Il “sistema bancario italiano sta voltando pagina” e “non è affatto da escludersi un circolo virtuoso tra pulizia dei bilanci e ritorno alla crescita”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, nel corso di una audizione in commissione Finanze al Senato. Nel punto di svolta il ministro Padoan individua “alcuni punti importanti: Unicredit sta per lanciare oggi un aumento di capitale importante; Ubi si è dimostrata disponibile ad acquisire tre delle quattro banche regionali; Banca popolare di Milano e Banco popolare hanno completato una importante aggregazione e ci sarà la ricapitalizzazione precauzionale del Monte dei Paschi. Stiamo parlando – ha sottolineato – di elementi positivi che tutti insieme danno un segnale importante, che il sistema bancario italiano sta voltando pagina. E quindi, visto l’andamento incoraggiante dell’economia con gli ultimi dati, non è affatto da escludere l’innesco di un circolo virtuoso fra consolidamento bancario, pulizia dei bilanci, ripresa della crescita e un ritorno a condizioni quantomeno di normalità e di uscita definitiva dalla crisi”.

Padoan ha poi parlato di “Percezione negativa”. Una percezione, in Italia e all’estero, “che è sbagliata e  immotivata”. Il ministro ha poi evidenziato il valore della fiducia. ‘E’ un fattore essenziale – ha puntualizzato – un bene pubblico”. E  ha messo in guardia dal problema della “asimmetria” che rende  “facile distruggere la fiducia e difficile ricostruirla”. Da  qui la critica a quanti gettano “discredito sull’intero  settore bancario. Un ‘atteggiamento dannoso”, ha affermato, tale da mettere “a repentaglio la crescita, l’economia, il  lavoro”.

Nel corso dell’audizione Padona ha puntualizzato che “Mps non registra segnali di dissesto”. Il Ministro ha assicurato che con gli  strumenti messi in atto dal Governo verrà realizzato “il risanamento definitivo della banca” e che la  “ricapitalizzazione precauzionale è per definizione europea  temporanea” e che “la banca definitivamente risanata tornerà al mercato”.

Per quanto riguarda i rimborsi Padoan, ha annunciato che ammonteranno circa a 190 milioni che, “quando tutte  le pratiche verranno espletate”, saranno stati erogati agli obbligazionisti retail delle quattro banche in risoluzione.   “Il Governo – ha aggiunto –  auspica che la giustizia faccia rapidamente il suo corso” e  che “vengano sanzionati” tutti quelli che abbiano provocato danni a comunità e risparmiatori. “Non tutte le banche sono in difficoltà in conseguenza della crisi”, ha detto,  aggiungendo che “per alcune banche ci sono state anche  gestioni da parte di amministratori e management che possono  aver violato norme deontologiche e penali”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento