mercoledì, 18 gennaio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bankitalia: sofferenze stabili, calano prestiti ai privati
Pubblicato il 10-01-2017


Debito-pubblico-BankitaliaLe sofferenze bancarie lorde, a novembre del 2016, risultano pari a 199,06 miliardi. Ad ottobre del 2016 ammontavano a 198,5 miliardi mentre nel mese di novembre del 2015 raggiungevano 201 miliardi di euro. Questi sono i dati comunicati oggi dalla Banca d’Italia sulle variazioni delle sofferenze delle banche italiane negli ultimi dodici mesi.

Senza le correzioni per le cartolarizzazioni e per altre cessioni, dopo un anno le sofferenze sono diminuite dell’1,7% (-1% a ottobre). Con le correzioni, il tasso di crescita delle sofferenze, nei dodici mesi, a novembre è stato dell’11,8% (12% nel mese di ottobre). Le sofferenze nette sembrano essersi stabilizzate a 85,2 miliardi.

I prestiti bancari per il settore privato, dopo le correzioni degli impieghi tenendo conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci delle banche, hanno registrato un crescita su base annua dello 0,5% (+1,2% a ottobre). Da quanto ha comunicato la Banca d’Italia, i prestiti alle famiglie sono cresciuti a novembre dell’1,8 per cento sui dodici mesi (1,7 per cento a ottobre). I prestiti alle società non finanziarie sono rimasti stabili su base annua (0 per cento a novembre e +0,8 per cento rispetto al mese precedente).

I depositi, nonostante i bassissimi tassi di remunerazione, sono in aumento. A novembre, il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è aumentato al 4,4 per cento (+3,2% a ottobre). La raccolta obbligazionaria, incluse le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 9,3 per cento su base annua ( -9% per cento al mese precedente).

L’attività di intermediazione creditizia in Italia, negli ultimi dodici mesi, sembrerebbe piuttosto stabile. Le variazioni, di entità marginale, non evidenziano cambiamenti nell’attività creditizia delle banche italiane.

Salvatore Rondello

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento