domenica, 19 febbraio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

M.O. Capucci, addio
a un protagonista
Pubblicato il 04-01-2017


hilarion-capucciMorto, a Roma, Mons. Hilarion Capucci, battagliero protagonista del conflitto israelo-palestinese. Dopo Rabin, Arafat, Peres,Nemer Hammad, è scomparso, il 1 gennaio a Roma (sarà sepolto a Beirut, dopo una breve commemorazione al “Karol Wojtyla Hospital” di Viale Africa, e i funerali alla chiesa di S. Maria in Cosmedin, meglio nota come “Bocca della Verità”), un altro protagonista della vicenda israelo-palestinese. A 94 anni, è morto mons. Hilarion Capucci, siriano, arcivescovo cattolico (Ordine Basiliano Aleppino), dal ’65 al ’74 vescovo ausiliare presso l’arcieparchia di Gerusalemme dei cristiani greco-melchiti. Controversa figura di religioso dichiaratamente filopalestinese e antiisraeliano (nell’estate 1974, Capucci veniva fermato, in Israele, con un carico d’armi destinato appunto alla resistenza palestinese, e condannato a 12 anni di carcere: detenzione che sarebbe finita dopo soli tre anni e mezzo, grazie al diretto intervento di Paolo VI). Personalità interessante, uomo coltissimo: che piu’ che Desmond Tutu, però, ricordava Camillo Torres, o certi religiosi nordirlandesi, protestanti o dell ‘IRA, contigui alla lotta armata. E che non esitò, nel ’79, a plaudire al potere assoluto di Khomeini in Iran, e ad esaltare, nel 2002, i “kamikaze” bombaroli della seconda Intifada.

Se alcune sue scelte risultano obbiettivamente ambigue, o esasperate (i suoi sostenitori lo paragonavano ai religiosi europei schieratisi in prima persona a fianco dei resistenti all’occupazione nazista, o ai “Cristeros”, i guerriglieri cattolici nel Messico ultralaicista anni ’20; con tutte le critiche possibili, a volte doverose, alla politica israeliana nei Territori occupati, non ci sembra giusto paragonare Israele agli occupanti nazisti dell’ Europa, o al Messico di Plutarco Elias Calles), va detto però che Capucci – posso dirlo per averlo conosciuto di persona – credeva sinceramente in questa causa, senza cercare vantaggi personali, ed era sempre pronto a pagare direttamente per le sue scelte. Ultimamente s’era battuto per la fine della guerra civile in Siria, chiedendo “un dialogo fraterno, costruttivo e trasparente per giungere ad una pacifica riconciliazione e a una pace giusta”; e cercando di far capire, agli osservatori internazionali, la necessità d’uscire dal comodo clichè “Occidente angelo-Assad demonio” (che, come già accaduto con Saddam in Iraq e Gheddafi in Libia, rischia – al di là anche della buona fede di molti sinceri sostenitori della democrazia nel Terzo Mondo – di fungere da alibi a precisi disegni imperialistici delle superpotenze).

Oggi, comunque, in questo Medio Oriente – ci riferiamo, appunto, soprattutto allo scenario israelo-paestinese – la maggioranza delle popolazioni vuole sinceramente la pace, dopo quasi settant’anni di guerra intermittente. Questo 2017 in cui ricorrono, singolarmente, i 50 anni dalla Guerra dei Sei giorni e i 100 anni della storica “Dichiarazione Balfour” del 31 ottobre 1917 (con cui il Regno Unito, durante la Prima guerra mondiale, prometteva il suo interesse a favore della creazione d’un “homeland” ebraico in Palestina), sarà finalmente l’anno della svolta?

Fabrizio Federici

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento