sabato, 16 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Com’é cambiato l’avviso di garanzia da Tangentopoli a oggi
Pubblicato il 25-01-2017


Il piemme di Mani Pulite, intervistato a proposito dell’avviso di garanzia inviato a Virginia Raggi, ammette spudoratamente: “Un avviso di garanzia non è colpevolezza”. Lo stesso Renzi, cui non può essere rimproverata incoerenza, sostiene analogo concetto e invita il Pd a non comportarsi come gli altri (leggi Cinque stelle), augurando anzi alla Raggi di risultare innocente. I Cinque stelle hanno precostituito una soluzione antitetica a quelle adottate precedentemente. E dunque anche per loro un indagine della magistratura che porta all’avviso di garanzia (ex comunicazione giudiziaria) non comporta automaticamente le dimissioni. Faccio macchina indietro, quando invece tutto questo garantismo non c’era, quando il buon Tonino usava il carcere come strumento di tortura a fini di confessione, quando i giornali e le televisioni, compresi quelli di Berlusconi, invitavano alle dimissioni tutti coloro che erano colpiti da avvisi di garanzia, sbattendo le loro foto sui giornali come se fossero già stati condannati, quando i processi si davano in diretta televisiva per esaltare le imprese eroiche del Torquemada meneghino e per lapidare pubblicamente gli inquisiti, quando interi partiti vennero gettati al macero solo per reati mai perseguiti prima dagli stessi magistrati, in preda poi a un’euforia rivoluzionaria. Pensate se gli stessi concetti espressi oggi da Di Pietro, Renzi e le nuove tavole del diritto formulate da Mosé Grillo fossero stati adottati durante Tangentopoli. Credo seriamente che il nuovo Tonino, Renzi e Grillo sarebbero stati fatti a pezzi. Temporibus illis..

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento