lunedì, 27 febbraio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cyberspionaggio. Nel mirino Renzi, Monti e Draghi
Pubblicato il 10-01-2017


cyberspionaggioLa polizia postale ha arrestato due persone accusate di aver spiato almeno dal 2012 politici, figure istituzionali e imprenditori italiani, e di aver monitorato anche le email dell’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi e del presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi.
L’indagine, condotta dalla Polizia postale e coordinata dalla procura di Roma, ha portato all’arresto di due persone, l’ingegnere nucleare Giulio Occhionero, di 45 anni, e la sorella Francesca Maria, residenti a Londra ma domiciliati a Roma e conosciuti nel mondo dell’alta finanza capitolina. L’indagine è coordinata dal pm Eugenio Albamonte della Procura di Roma.

Ai due vengono contestati i reati di procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, accesso abusivo a sistema informatico aggravato ed intercettazione illecita di comunicazioni informatiche e telematiche. Le indagini degli investigatori del Cnaipic, il Centro nazionale anticrimine informatico della Polizia postale, hanno accertato che i due fratelli gestivano una rete di computer (botnet) – infettati con un malware chiamato ‘Eyepyramid’ – che avrebbe loro consentito di acquisire, per anni, notizie riservate e dati sensibili di decine di persone che, a vario titolo, gestiscono la funzione pubblica e delicati interessi, soprattutto nel mondo della Finanza.

Secondo il sito Linkedin, Giulio Occhionero è managing director della società Westlands Securities, con sede principale in Cina.

Non è stato possibile per il momento raggiungere i familiari o i legali dei due.
Tra i nomi delle vittime che compaiono nell’ordinanza, oltre a quelli di Renzi e Draghi, anche l’ex premier Mario Monti, ex dg di Bankitalia ed ex ministro Fabrizio Saccomanni, gli ex ministri Piero Fassino e Ignazio La Russa, del cardinale Gianfranco Ravasi.

Secondo gli inquirenti, gli Occhionero avrebbero infettato, a partire dal 2012, una serie di computer con un malware denominato Eyepiramid (noto dal 2008, che consente di controllare a distanza i pc), ottenendo informazioni riservate su “numerosissime” vittime, e le avrebbero poi custodite su server negli Stati Uniti. Per questo, all’indagine collabora anche la Cyber Division dell’Fbi, dice la nota.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento