domenica, 25 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Legge elettorale. In attesa della Consulta
Pubblicato il 10-01-2017


Legge elettrale_consultaDopo la pausa natalizia Matteo Renzi torna al Nazareno per riprendere in mano i principali dossier. Tanti i temi sul tavolo, a partire dalla legge elettorale. Su cui, però, il Pd non imprimerà accelerazioni. Per ora. Due sono gli obiettivi del leader Pd nelle prossime settimane: riorganizzare la segreteria del partito con innesti nuovi e prendere in mano il pallino della legge elettorale pur nella consapevolezza di una realtà politica abbastanza chiara, cioè che difficilmente qualcosa si muoverà veramente tra i partiti prima della riunione della Consulta sull’Italicum il 24 gennaio.

Il governo conferma la linea di non voler giocare in prima persona la partita. Oggi nell’incontro con i capigruppo e i ministre Boschi e Finocchiaro, Gentiloni ha ribadito che l’esecutivo faciliterà la ricerca di intese politiche che nasceranno tra i partiti. Il ministro per i rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro  non ha avuto né ha in agenda incontri a breve con capigruppo o leader politici.

Insomma la matassa è molto complicata al momento e anche l’intenzione dichiarata del Pd di aprire un tavolo con i partiti per un confronto sulla legge elettorale si scontra con la contrarietà di Fi e M5S. E, secondo fonti anche dem, ha soprattutto valore tattico per non far abbassare la guardia sul tema. I partiti non scopriranno le proprie carte prima della sentenza della Consulta che stabilirà che cosa sia salvabile e che cosa non lo sia dell’Italicum. In base alla decisione dei giudici della Corte Costituzionale, sarà chiaro a tutti il campo da gioco: al Pd se insistere su un Italicum magari rivisto oppure provare la via del Mattarellum.

“Dobbiamo prendere atto che, nonostante i nostri inviti reiterati agli altri partiti a sedersi a un tavolo sulla legge elettorale, la risposta è stata un no e quindi non ci resta che attendere la sentenza della Consulta” attesa per il 24 gennaio ha affermato il capogruppo Pd Ettore Rosato parlando con i cronisti alla Camera. “Il Mattarellum è la proposta approvata all’unanimità dall’assemblea Pd e non la archiviamo” .

Mentre il ballottaggio è un altro dei punti della discussione. “Il ballottaggio – ha detto Lorenzo Guerini in una intervista al Quotidiano Nazionale – è, da sempre, una bandiera del Pd. Se la Consulta dovesse decidere di non abolirlo, la nostra proposta di legge elettorale non potrà prescinderne”. “La nostra proposta è stata, da subito, molto chiara. Confronto immediato con tutti i partiti per arrivare rapidamente a un’intesa politica sulla nuova legge elettorale. Abbiamo proposto il Mattarellum” che “coniuga rappresentanza e governabilità” e “siamo interessati e disponibili al confronto con tutti e siamo consapevoli che, senza il Pd, non si fa alcuna nuova legge elettorale”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento