lunedì, 10 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Matteotti, sfregiata la sua memoria
Pubblicato il 12-01-2017


Hanno ucciso Matteotti ancora una volta!

Mani ignote si sono accanite contro la lapide posta al monumento sul Lungotevere a Roma in occasione dell’ottantesimo anniversario della morte del martire socialista.

La lapide è stata frantumata in tanti pezzi lasciati in terra per sfregio e tutto questo è avvenuto nel cuore di Roma, di fronte al Ministero della Marina, in una strada di grande traffico. Nessuno, ovviamente, ha visto nulla.

Mi chiedo: è mai possibile che possa esserci qualcuno talmente ottenebrato dall’odio e, permettetemi di dirlo, dalla stupidità da non rendersi conto che l’oltraggio non colpisce tanto Giacomo Matteotti, splendida figura di italiano, di democratico, di socialista quanto tutta la comunità civile che al sacrificio di Matteotti deve inchinarsi reverente perché la sua morte tragica è stata forse il primo atto di resistenza alla dittatura fascista?

Spero che la classe politica italiana che all’impegno sociale, civile di Matteotti dovrebbe ispirarsi intervenga per esaltare la memoria di Matteotti e ripristinare al più presto il monumento.

matteotti5

Gianna Granati
Blog Fondazione Nenni

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Spero che i nostri parlamentari facciano una Mozione di condanna sia al Senato che in Parlamento, invitando i parlamentari a dedicare un minuto di silente raccoglimento in memoria di un loro collega che, per salvaguardare le prerogative del Parlamento, pagò con la vita questa sua difesa.
    Je suis socialiste

  2. Un atto eversivo che non va sottovalutato.
    Piena adesione all’intervento di Gianna Granati e condivido la posizione presa da Nicola Olanda, è il minimo che possono fare i nostri Parlamentari.
    Onore e Gloria al Compagno Giacomo Matteotti!

Lascia un commento