lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Meditazione post 27 gennaio
Pubblicato il 27-01-2017


Ho trovato da tempo una lettura che ci immunizza dal trasformare la ricorrenza del 27 gennaio – “giorno della memoria” per le vittime dell’Olocausto – in una ricorrenza retorica d’occasione, spingendoci invece a un pensiero più radicale, che vale per tutti i giorni della nostra vita.
Fred Uhlman, ebreo tedesco nato a Stoccarda, cittadino adottivo degli Stati Uniti dal 1933, sul finire della sua vita ci ha consegnato tre racconti autobiografici. “Niente resurrezioni, per favore” chiude la sua desolata trilogia.
Qui Uhlman narra la peregrinazione fisica e spirituale  di Simon Elsas, giovane ebreo che è riuscito a fuggire dalla Germania hitleriana. I suoi parenti sono stati trucidati; egli, riparato in America, “… aveva passato settimane e mesi in cui, addormentandosi, aveva un solo desiderio: quello di non svegliarsi più. Non essere mai vissuto è meglio, dicono gli antichi scrittori. Non aver mai respirato la vita. Non aver mai guardato nell’occhio del giorno. In mancanza di ciò: buonanotte e un rapido allontanarsi”.

Era sopravvissuto prima a Hitler e poi alla propria disperazione: faceva il pittore e non leggeva un libro tedesco da quando aveva sentito la parola Auschwitz.
Trent’anni dopo torna, di passaggio, nella sua città natale, lì dove erano cresciute le prime amicizie e i primi affetti, dove aveva frequentato il liceo imparando ad amare i classici antichi – greci e latini – e quelli moderni, della Germania. Come mai questo popolo di poeti e pensatori, “das Volk der Dichter und Denker”, era poi precipitato nelle mani di un macellaio come Hitler?
Simon rivede casualmente alcuni suoi amici di scuola riuniti a convivio e trova qualche risposta. Se c’è un von Muntz – ex ufficiale SS – che afferma stentoreamente di aver “agito sempre e soltanto per principio, come il Führer”, l’accorgimento prevalente è quello di difendersi con l’ipocrisia e l’ignavia. Scorre qualche bicchiere di vino, finché Hausmann, il giudice Hausmann, confessa: “Eppure… secondo me siamo tutti colpevoli. Colpevoli di viltà, colpevoli perché apparteniamo a una nazione… sì, mille volte sì, una nazione di assassini”.

Si dirà: che esagerazione! Ma se questa fosse invece una vocazione più estesa, la sorte stessa del “progresso” umano?
Lindner, l’intellettuale della compagnia, l’aveva già detto: “In che magnifica età viviamo, in cui si arrostiscono bambini e donne incinte come castagne! Come capisco bene adesso il desiderio di Caligola, che l’intera umanità avesse un solo collo. Come tutto migliorerebbe se la terra potesse liberarsi di questa razza predatrice, crudele e ripugnante, cui abbiamo la disgrazia di appartenere”.
Sì, ritornano le parole dei poeti: non essere mai vissuto è meglio. E se abbiamo dovuto vivere? Charlotte, l’antico amore giovanile di Simon, risponde per noi: “Niente resurrezioni, per favore. D’inferni ne basta uno”.

Nicola Zoller

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Carissimo Nicola
    Nel momento che Abele fu assassinato da suo fratello Caino siamo diventati tutti figli di Caino. Il pentimento può aver lenito la pena ma non annullato la lotta tra il Bene ed il Male-
    Uh poeta ha paragonato la vita ad un fiore che appena nasce comincia a morire. Possiamo fare a meno dei fiori che sono di nutrimento alle api e tramite queste a fecondare la vita del mondo vegetale e conseguentemente del mondo animale? No! non possiamo rinunciare alla vita ma spenderla anche per evitare che il Male trionfi sul Bene.
    Grazie per come ci hai aiutato a riflettere nel giorno dedicato alla Memoria.
    Un abbraccio da Nicola Olanda

Lascia un commento