giovedì, 22 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Top & Flop. Fattore Stadium per la Juventus. Matri è tornato Mitra
Pubblicato il 23-01-2017


I bianconeri superano 2-0 la Lazio ottenendo il successo consecutivo numero 27 tra le mura amiche. Tiene il passo la Roma (1-0 al Cagliari) e il Napoli (2-1 al Milan a San Siro). L’Inter vola con la sesta vittoria consecutiva, in coda Palermo, Crotone e Pescara hanno un piede in Serie B. Vediamo i top & flop di questa giornata.
matriTOP – Al terzo posto Paulo Dybala. L’argentino riscatta la brutta prestazione di Firenze con un gran gol dopo pochi minuti che mette subito in discesa la gara della Juventus contro la Lazio. La migliore risposta, sua e dei bianconeri. Al secondo posto Blerim Dzemaili del Bologna. Il 2-0 dei felsinei al Torino porta la sua firma con una doppietta: se il centravanti Destro fatica a trovare la via rete, ci pensa il centrocampista svizzero a togliere le castagne dal fuoco per la squadra di Donadoni. A proposito di doppietta, merita il primo posto Alessandro Matri, che segna due gol nella vittoria del Sassuolo 3-1 a Pescara. Da applausi la seconda rete, con un delizioso pallonetto: per l’attaccante classe ’84 sono 4 gol nelle ultime 2 giornate.

FLOP – Al terzo posto Adem Ljajic. Nessun disastro in particolare, ma ennesima prestazione sottotono per l’attaccante serbo del Torino, fortemente voluto in estate da Mihajlovic. Peccato perché con Belotti e Iago Falque i granata potrebbero contare, sulla carta, su uno dei migliori tridenti del campionato. Giornata da dimenticare per i portieri. Al secondo c’è Gigio Donnarumma: il baby prodigio del Milan non è esente da colpe sui due gol che permettono al Napoli di espugnare San Siro. Il talento rossonero si rifà nel secondo tempo con un paio di parate che evitano un passivo più pesante alla squadra di Montella, ma per una volta è protagonista negativo. Fa però peggio Albano Bizzarri del Pescara: incredibile l’errore dopo pochi minuti nella gara contro il Sassuolo sul gol di Matri. Già la situazione è disperata per gli abruzzesi, almeno dai giocatori di maggiore esperienza (Bizzarri ha 39 anni) non ci si aspettano papere simili. Ma se la salvezza della squadra di Oddo è un miraggio (-12 dall’Empoli) la colpa sicuramente non è solo sua.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento