lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Biotestamento. Finalmente un passo avanti
Pubblicato il 17-02-2017


biotestamentoIl ddl sul Biotestamento è stato approvato dalla commissione Affari sociali della Camera. Un passo avanti importante sul fronte dei diritti. Si tratta di “un importante risultato, anche se avrei preferito che fossero state definite modalità più accessibili”. È il commento di Pia Locatelli capogruppo del Psi alla Camera e componete della Commissione Affari Sociali. In particolare Pia Locatelli si riferisce alla “redazione delle disposizioni da parte del soggetto, rispetto alla redazione davanti ad un notaio o un medico del Servizio sanitario nazionale come previsto”. E spiega la motivazione: “Quanti andranno o potranno infatti andare davanti ad un notaio? Credo sia stato sbagliato eliminare la possibilità prevista nella versione iniziale del ddl di redigere le proprie disposizioni anche semplicemente davanti a due testimoni”. Ad ogni modo, prosegue, “si tratta di una mediazione e credo sia di fondamentale importanza il fatto che sia stato comunque affermato il principio che quando si è capaci di intendere e volere si possa esprimere la propria volontà per quando non si dovesse più essere capaci di intendere. Questo è il cuore della legge”. Complessivamente, dunque, “il ddl è un grande passo avanti”. Quanto al punto dibattuto circa la possibilità di interrompere la nutrizione e idratazione artificiali, conclude Locatelli, “il mondo scientifico è concorde nell’affermare che tali atti costituiscono dei trattamenti terapeutici”, e come tali “sono rinunciabili”.

Plaudono all’approvazione del ddl in commissione anche Marco Cappato e Filomena Gallo, a nome dell’Associazione Luca Coscioni per la ricerca scientifica affermando però allo stesso tempo che sono “necessarie modifiche in Aula”. Come Associazione Coscioni, proseguono, “chiediamo ora che la scadenza del 27 febbraio per il voto in Aula sia rispettata senza cedere a un terzo rinvio”.

Dall’alto campo i deputati cattolici, contrari al biotestamento, cercando di allungare i tempi. “Sulla legge che riguarda il testamento biologico rivedremo in aula lo stesso atteggiamento aggressivo che abbiamo dovuto subire per le unioni civili o ci sarà spazio per un dibattito approfondito?

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento