martedì, 12 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

FS. Sindacati contro privatizzazioni scrivono a Delrio
Pubblicato il 23-02-2017


ferrovieriRiparte lo scontro tra sindacati e Ferrovie dello Stato. Questa volta nel mirino dei sindacalisti la prospettata privatizzazione dell’Alta velocità e dei servizi a lunga percorrenza di Ferrovie dello Stato.
Ma nella protesta i sindacati cercano il sostegno e l’appoggio anche del Ministro dei Trasporti, Graziano Del Rio. I segretari generali della Filt Cgil, Alessandro Rocchi, della Fit Cisl, Antonio Piras e della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi sull’assetto proprietario del Gruppo Fsi hanno infatti inviato una lettera al Ministro per chiedere un incontro urgente “allo scopo di acquisire elementi di chiarimento che, a questo punto, risultano indispensabili”. I segretari inoltre confermano “la valutazione negativa su qualsiasi ipotesi di quotazione, seppure parziale, dell’attuale Gruppo societario a struttura integrata e proprietà pubblica”. Delrio ha espresso pubblicamente i propri dubbi sugli effetti della procedura e ha parlato delle proprie preoccupazioni per le conseguenze della quotazione sui pendolari, nel corso di una recente direzione del partito.
Secondo i sindacalisti, che fanno in parte i dubbi di Delrio, dicendosi “contrari l’ipotesi di quotazione del segmento ‘Frecce e Intercity’ della Divisione Passeggeri Long Haul di Trenitalia in quanto una simile operazione determinerebbe, solo ed esclusivamente, effetti negativi per i lavoratori del gruppo FSI e per il Paese, oltre che un notevole nocumento sul trasporto regionale”.
In particolare Delrio teme per lo sciopero dell’8 marzo. Lo sciopero dei mezzi pubblici che coinvolgerà anche i treni è stato inserito anche sul sito del ministero dei Trasporti, e coinvolgerà per l’intera giornata tutte le categorie di lavoratori sia pubblici che privati. Disagi sono previsti nelle grandi città: sia lo sciopero a Milano che lo sciopero a Roma promettono infatti di mandare nel caos il traffico, ma a essere messi a dura prova dallo sciopero dell’8 marzo saranno anche i trasporti pubblici a livello nazionale.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento