mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

DP. Il nome non è un gran nome
Pubblicato il 27-02-2017


Il nome non è un gran nome: DP. Rievoca la sinistra antagonista anni ’70. Se il nome, come deve essere, è’ la conseguenza di una scelta, gli scissionisti hanno di nuovo imboccato la strada sbagliata. Abbandonano il loro partito, ne fanno un altro ma continuano a evitare il confronto con la storia e con le radici comuni della sinistra europea. Lo stesso errore commesso da Occhetto, da D’Alema, da Veltroni negli anni ’90.

Comincio a convincermi che chi ha cromosomi comunisti di socialismo proprio non voglia sentir parlare. Certo, si possono scrivere libri evocativi nel titolo, si può perfino presiedere una prestigiosa fondazione europea, ma lì ci si ferma. Con questo inizio, lo spazio di manovra sarà di un miglio quadrato.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. C’è chi questa convinzione l’ha maturata da non poco tempo, prendendosi tuttavia del nostalgico, ossia ancorato al passato e dunque sorpassato, da parte di quei socialisti che ritenevano, e forse lo ritengono ancora, che occorre invece guardare avanti – senza voltarsi indietro ripercorrendo l’ultimo quarto di secolo – e superare ogni preconcetto e diffidenza verso i “cugini” della sinistra.

    Paolo B. 27.02.2017

  2. La mia opinione è che i partiti/movimenti quando diventano “grandi numericamente” sono come le scarpe, se ci si cammna, alla fine fanno male ai piedi.
    Il riscontro è sotto gli occhi di tutti, il PD si scinde, i M5S perdono anche loro pseudo componenti tenuti insieme dall’onda del risultato elettorale, ma non sanno neppure loro chi sono, “un parto mentale della House Casaleggio”, le ancore ideologiche non tengono più. Si torni a valorizzare i nuclei territoriali che mantengono ancora un radicata identità i COMUNI. Senza demagogiche promesse, si consenta alle amministrazioni locali di gestire più semplicemente i servizi sul loro territorio, consegnando loro uffici sopracomunali che esplicano le mansioni burocratiche di raccordo con gli enti superiori, così da restituire, risorse umane e finanziarie, agli enti stessi.

  3. giusto Nencini, MPD non è un grande brand. Ma che dire del glorioso brand PSI che -con la tua guida poco illuminata- si è accucciato sotto il renzismo? Intanto che il fu PSI traccheggia, noi vecchi riformisti e cofondatori dell’ulivo andiamo sinistra.

Lascia un commento