giovedì, 21 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Equitalia, con rottamazione cartelle e debiti pendenti
Pubblicato il 17-02-2017


EquitaliaIn questi ultimi giorni, l’agenzia Equitalia sta notificando a numerosi contribuenti cartelle esattoriali e intimazioni di pagamento, per sollecitare l’adempimento dei debiti fiscali e interrompere la prescrizione. Con esse, scrive il portale ‘laleggepertutti.it’, stanno viaggiando anche le cosiddette ‘comunicazioni dei carichi affidati all’Agente della riscossione’.

Si tratta di un’informativa con cui, in ottemperanza al recente decreto fiscale che ha regolamentato la rottamazione delle cartelle, si informa il cittadino dell’imminente arrivo di una cartella o di un avviso di addebito per i cui importi – iscritti a ruolo nell’ultimo anno – può presentare domanda di ‘definizione agevolata’ (detta anche ‘sanatoria’ o ‘rottamazione’).

Molte persone, tuttavia, hanno scambiato tale comunicazione con una normale cartella esattoriale, dalla quale invece differisce perché non si tratta di un titolo esecutivo o di un sollecito.

Non è dunque possibile proporre ricorso al giudice o presentare istanze di autotutela: bisognerà, eventualmente, attendere il successivo atto con la richiesta vera e propria di pagamento, sempre che non si preferisca chiudere subito la partita con la ‘rottamazione’.
Un secondo dubbio che viene spesso sollevato riguarda la fine che faranno tutte le cartelle e i debiti pendenti con Equitalia nel momento in cui questa scomparirà (data che dovrebbe coincidere con il 1° luglio 2017 se il governo rispetterà la tabella di marcia). Il quesito si pone non solo per le imposte erariali, ma anche per quelle locali (tributi del comune come Tasi, Imu, Tari o della regione come il bollo auto).

La risposta è contenuta nel primo articolo del decreto fiscale del 22 ottobre scorso che recita : “Con la soppressione di Equitalia, tutti i rapporti giuridici pendenti, comprese le cause in corso, si trasferiscono al nuovo soggetto che ne prende il posto, ossia l’Agenzia delle Entrate-Riscossione”.

La norma dispone testualmente che il nuovo “ente subentra, a titolo universale, nei rapporti giuridici attivi e passivi, anche processuali, delle società del Gruppo Equitalia e assume la qualifica di agente della riscossione”. Ciò significa che ci sarà – almeno in teoria – una situazione di continuità nei crediti: le cartelle non dovranno essere rinotificate con l’indicazione del nuovo creditore, il quale diventa tale a pieno titolo già in forza della legge.

Chi ha ricevuto, sino ad oggi, una cartella di pagamento o chi ha in atto un piano di rateazione dovrà corrispondere le somme direttamente all’Agenzia delle Entrate-Riscossione, non potendo sperare che il cambio del soggetto possa implicare anche la cancellazione del debito.

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione, in sostituzione di Equitalia, dovrebbe comunicare ai soggetti interessati le nuove modalità per effettuare il pagamento delle somme dovute.

Salvatore Rondello

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento