sabato, 29 aprile 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

PROROGHE E GRATTACAPI
Pubblicato il 16-02-2017


finocchiaro e gentiloniNuovo Governo, vecchi metodi. Come con il Governo Renzi, anche Gentiloni blinda il decreto milleproroghe e incassa la fiducia del Senato sul maxiemendamento al decreto milleproroghe. Il provvedimento è stato approvato con 153 sì e 99 voti contrari. Il testo del dl passa all’esame della camera.

Come da tradizione, nel decreto legge Milleproroghe c’è spazio per una grande varietà di misure: pensioni, affitti, tasse ed energia, ma anche vino e pesca. Il dl deve essere convertito in legge entro il 28 febbraio. Diversi i settori interessati dai 16 articoli del provvedimento.

Entusiasta il ministro per i rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro: “La proroga dei modelli Ires e Irap” consente “di recepire la riforma dei bilanci delle imprese, i 17 milioni di euro che andranno a finanziare la cassa integrazione in deroga nel settore della pesca, le norme a sostegno delle popolazioni terremotate (Centro Italia, ma anche Abruzzo ed Emilia-Romagna), che integrano quelle già varate dal Consiglio dei ministri nel decreto-legge apposito”.
“Insomma – prosegue la senatrice del Pd- grazie a un lavoro di costante raccordo con i gruppi parlamentari del Senato, abbiamo voluto confermare anche in questo provvedimento che le misure di sostegno sociale rimangono la priorità di questo Governo, insieme al necessario rilancio economico del Paese”.

Protesta dei tassisti per la norma pro-Uber
Forti polemiche per alcune misure introdotte nel dl, prima fra tutte quella che rinvia l’applicazione delle norme “anti-Uber” e la stretta sugli Ncc che ha scatenato le proteste dei tassisti in tutta Italia.
Rinviato fino a fine 2017 il termine per l’emanazione delle norme “anti-Uber” e contro i taxi abusivi da parte del Ministero dei Trasporti. Previsto poi che la sospensione dell’efficacia della riforma del trasporto di persone con autoservizi non di linea, varata nel 2008, operi fino al 31 dicembre 2017.
I sindacati dei tassisti sono sul piede di guerra.”Il ministro Delrio si assuma la responsabilità del governo – tuona Nicola Di Giacobbe di Unica taxi Cgil – La legge 21 si può migliorare ma solo con il consenso delle categorie. Gli impegni presi si rispettano”.
Nella Capitale, l’agitazione si è estesa anche negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino, praticamente svuotati di auto bianche. Un migliaio di tassisti si e’ raccolto spontaneamente per un sit-in nei pressi di Palazzo Madama.
A Roma, in Corso Rinascimento, davanti al Senato, c’è un presidio di un migliaio di taxi – buona parte di quelli in turno nella città – contro l’emendamento inserito nel decreto Milleproroghe che – questa l’accusa – favorirebbe servizi alternativi, come Uber o il noleggio senza conducente.
“Non è dunque un emendamento contro qualcuno, ma un intervento che ripristina una situazione normativa che tiene conto della sentenza del Consiglio di Stato del 2015 e della circolare del ministero dei Trasporti del 2016. La definizione della nuova normativa del settore dovrà avvenire attraverso il confronto con gli operatori, tanto è vero che oggi è in corso un incontro tra i tassisti e il ministero dei trasporti”. Spiega il senatore del Pd Stefano Collina, relatore al Milleproroghe.

Roma nel caos, protestano anche i Vigili del Fuoco
Oltre ai tassisti, un presidio di diverse centinaia di persone, guidato dal Conapo, si è riunito di fronte alla Camera sotto lo slogan “Non siamo cittadini di serie B”. I pompieri chiedono “parità con gli altri corpi” di polizia per quanto riguarda il profilo pensionistico e retributivo. Sono arrivati da tutta Italia ci sono rappresentanze da Avellino, Asti, Lazio, Toscana. Molte le grida, i fischi e qualche sirena durante gli interventi che si alternano sul palco allestito per i comizi. Siamo stanchi, dicono “di medaglie e pacche sulle spalle”.

Protesta dei commercianti per la Bolkestein
I commercianti ambulanti hanno bloccato corso del Rinascimento contro la direttiva Bolkestein che le associazioni di categoria e i loro aderenti considerano vitale per stabilire una proroga di due anni della scadenza delle concessioni delle attività commerciali sulle aree pubbliche. ”Siamo qui a manifestare perché abbiamo saputo che la prima Commissione Affari Costituzionali del Senato è riunita per approvare un emendamento che fa partire da subito i Bandi di concorso della Bolkestein e il termine governativo del 31 dicembre 2018 non è più di proroga alle concessioni, ma termine ultimo per rinnovare ai nuovi concessionari vincitori di concorso”. Così Vittorio Baglioni (Fivag Cisl Ambulanti) spiega le ragioni della protesta degli ambulanti anti Bolkestein, in corso davanti a Palazzo Madama. ”Nessun diritto acquisito, nessun rispetto per gli avviamenti commerciali, aziende commerciali azzerate. È un esproprio di Stato ai piccoli e micro commercianti. Si profila una battaglia per il lavoro contro le multinazionali e la grande distribuzione che vogliono far uscire dal mercato ogni possibile forma di concorrenza”.

Acquisti agevolati per le case ad alta efficienza energetica
Tra le 96 modifiche convalidate, spuntano anche novità in tema energia, come la proroga degli acquisti agevolati per le case ad alta efficienza energetica. La misura è stata introdotta con la legge di Stabilità 2016 e contemplava per lo stesso anno una detrazione Irpef commisurata al 50 per cento dell’IVA dovuta sull’acquisto di abitazioni in classe energetica A o B, da ripartire in dieci quote annuali di pari importo.
Nella lettura del Senato saltano in extremis le norme sulle accise per l’autoproduzione di energia e sulla sospensione dei mutui contratti per il pagamento delle imposte sospese a seguito del terremoto in Emilia dopo i rilievi della Ragioneria generale dello Stato che individuato problemi di copertura in entrambi gli emendamenti al decreto.

Proroga Cedolare secca
Niente obbligo di indicare nel 730 la registrazione del contratto di affitto per usufruire della cedolare secca al 30% del reddito imponibile derivante da contratti di affitto a canone concordato.

Spesometro semestrale
Le fatture Iva emesse e ricevute nel primo anno di applicazione del nuovo spesometro dovranno essere inviate con cadenza semestrale. “Per il primo anno di applicazione” del nuovo spesometro, si legge nel testo, “le comunicazioni possono essere effettuate per il primo semestre entro il 16 settembre 2017 e per il secondo semestre entro il mese di febbraio 2018”. Per le liquidazioni restano invece i quattro invii previsti dl decreto fiscale collegato alla manovra.

Sanità, Farmacia e Ricerca Animale

Il decreto fa slittare al 31 dicembre 2017 la scadenza per la revisione della governance farmaceutica, inizialmente prevista per la fine del 2016; rinvia ancora una volta la riforma del sistema di remunerazione di grossisti e farmacisti; proroga la validità della graduatoria del concorso straordinario delle farmacie 2012 (sei anni a partire dalla data dal primo interpello per l’assegnazione delle sedi); fa slittare fino al 28 febbraio gli adempimenti previsti a carico dei veterinari iscritti agli Albi professionali per l’invio al Sistema tessera sanitaria dei dati relativi alle spese veterinarie sostenute dai cittadini nel 2016. In tema di sperimentazione animale, il decreto sposta al 2020 la decorrenza di alcuni divieti introdotti dal decreto 26/2014 che recepiva (e ulteriormente restringeva) i criteri della direttiva europea sulla protezione degli animali in ambito scientifico. In particolare il Milleproroghe posticipa l’entrata in vigore del divieto di ricerche sugli xenotrapianti (o trapianti di organi tra animali di specie diverse). Altre misure riguardano il personale del Servizio sanitario nazionale. Il testo del decreto posticipa al 31 dicembre 2018 i termini di conclusione delle procedure concorsuali straordinarie per l’assunzione di personale medico, tecnico-professionale e infermieristico, necessarie per far fronte al fabbisogno emerso dal recepimento della direttiva Ue sul giusto orario di lavoro in sanità.

Proroga CIG dipendenti Partiti e disoccupazione Co.Co.Co.
Proroga della Cassa integrazione guadagni per i dipendenti dei patiti. Sostanzialmente si concede un anno in più. Nel testo si precisa che il trattamento “può essere ulteriormente concesso, alle medesime condizioni a suo tempo richieste, comunque nel limite delle risorse disponibili”. Prorogata fino al 30 giugno 2017 la possibilità di richiedere l’indennità di disoccupazione per i lavoratori con un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa. La misura dovrebbe riguardare circa 6.000 lavoratori con un assegno medio di 800 euro per 4 mesi. L’onere della proroga previsto per il 2017 è pari a 19,2 milioni di euro.

Salvi i precari Istat
I precari Istat ottengono la proroga dei contratti fino al dicembre 2018, data entro la quale dovrà essere bandito un concorso per stabilizzarli.

Più contributi Editoria
Aumenta la soglia limite dei contributi pubblici alle imprese editrici.La norma conferma che il contributo non possa superare il 50% del fatturato ma quest’ultimo verrà calcolato al lordo del contributo e non più al netto.

Ilva, ambiente e nucleare
È stata rinviata di tre mesi la scadenza per la presentazione del piano ambientale per l’Ilva. Il termine, precedentemente fissato il 30 giugno 2017, “è prorogato al 30 settembre 2017, ovvero alla data di entrata in vigore del Dpcm di approvazione delle modifiche del Piano se antecedente. Resta comunque ferma l’ulteriore prorogabilità del termine di 18 mesi. Ridotto l’ammontare complessivo delle compensazioni ai comuni che ospitano centrali nucleari in dismissione o depositi di materiale radioattivo. Oggi è previsto un prelievo di 0,15 centesimi calcolato su ogni kW/h consumato mentre l’emendamento riduce la base del prelievo ai kW/h prelevati dalle reti pubbliche con obbligo di connessione a terzi.

Stop a multe per i partiti che non hanno presentato rendiconti
Prorogato il termine ultimo per l’invio dei documenti dal 15 giugno al 31 dicembre 2017. Sventato così il rischio, per i partiti, di dover sborsare 200mila euro di sanzione amministrativa, come previsto da una norma inserita a sua volta nel Milleproroghe dello scorso anno attraverso un emendamento del Pd.

Nuovi agenti penitenziari e un anno in più a concorsi agenzie fiscali
Via libera a 887 assunzioni nella Polizia penitenziaria con lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi e, per i posti residui, “mediante lo scorrimento delle graduatorie degli idonei non vincitori approvate in data non anteriore al 2012.
Un anno in più invece per il concorso dei dirigenti delle Agenzie fiscali. La data entro cui devono concludersi i concorsi viene spostata dalla precedente scadenza del 31 dicembre 2016 al 31 dicembre 2017.

Novità per Anas e nuove sedi giudiziarie
Per il triennio 2017-2019 l’Anas sarà esentata dalle norme sulla spending review e dal blocco delle assunzioni per quanto riguarda posizioni tecniche, ingegneristiche e personale tecnico-operativo. Tempi più lunghi per le nuove sedi degli uffici giudiziari, vengono prorogati i termini per i lavori. Si passa da un anno a tre anni.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento