giovedì, 14 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Morti sul lavoro:
dati da paese incivile
Pubblicato il 28-02-2017


mortibiancheNei giorni scorsi un giovane operaio di 19 anni è morto in un’azienda veneta schiacciato da un macchinario. Il povero Michele, dopo il diploma, aveva deciso di aiutare la famiglia trovando impiego in una fabbrica di laterizi. La straziante e commovente lettera della fidanzatina, dà il conto della tragedia umana e famigliare: una vita spezzata a neppure vent’anni, sogni e speranze che se ne vanno con un lavoro che dovrebbe essere di sostegno a un’esistenza e a una prospettiva di futuro, anziché segnarlo per sempre. Si tratta, purtroppo, di una delle tante vittime del lavoro in Italia, a segnare un dato che, seppur in calo, supera le 1.000 all’anno, una cifra inattesa per un paese civile. La situazione non può che spingere a una profonda riflessione sul tema della sicurezza dei luoghi di lavoro. L’intervento dei segretari provinciali di CGIL, CISL e UIL segna alcuni punti importanti: “il lavoro chiede un tributo di sangue che non può essere né sottovalutato né sottaciuto.

Ci ribelliamo al considerare ineluttabili le morti e gli infortuni sul lavoro e richiamiamo tutti alla massima vigilanza perché questo non continui a succedere applicando le norme e la formazione con rigore e perché si faccia della sicurezza un diritto certo ed esigibile. Ribadiamo ancora una volta l’imprescindibile necessità che la sicurezza nei luoghi di lavoro dev’essere per tutti una priorità e che la prevenzione e la formazione sono indispensabili per un lavoro sicuro e di qualità”. Alcune domande sorgono allora spontanee:  i nostri luoghi di lavoro sono davvero così insicuri? Se si, perché? Le autorità preposte attuano le verifiche indispensabili? La burocrazia e le leggi nazionali sono chiare? I lavoratori sono opportunamente preparati sui temi della sicurezza? C’è un modo per facilitare gli investimenti in sicurezza? La sicurezza viene vista dalle imprese come un costo o come un investimento? Esistono modelli di sicurezza verso cui tendere? Esistono modi di monitorare l’efficacia degli investimenti in sicurezza? Tenuto fermo che la giovane vita di Michele ormai è spezzata, e che non potremo restituirlo alla sua famiglia, così come non potremo restituire le tante, troppe vittime bianche di questa emergenza nazionale, possibile che non si riesca ad aprire una riflessione seria sul perché di queste tragedie? Auspico una dovuto dibattito da parte delle associazioni di categoria e dei lavoratori e la necessaria attenzione da parte del mondo politico. Ormai non si tratta di una questione di statistiche, ma di civiltà.

Leonardo Raito

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento