giovedì, 24 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nencini: “Da Orfini idea medievale della parità”
Pubblicato il 06-02-2017


On. Matteo OrfiniAncora toni alti, scontri e polemiche all’interno del partito democratico. Questa volta è stato Michele Emiliano a polemizzare con il segretario del partito. Il governatore della Puglia ha osservato che se Renzi non lascia la guida del Nazareno è perché vuole compilare lui le liste elettorali. “Il segretario non si dimette – ha detto Emiliano – perché ha un sacco di soldati e salmerie da collocare, ha da salvaguardare un sacco di persone. E se dovesse perdere la possibilità di fare le liste – ha aggiunto Emiliano – non so se quei sondaggi sarebbero uguali perché questi sondaggi sono cosi’ adesso che il segretario ha il potere di fare le liste e quindi tiene insieme tutte le infinite correnti del Pd”. A stretto giro è giunta la replica dura dei renziani che traducono il pensiero del segretario: “Emiliano se proprio si sente un leader – ha attaccato Ernesto Carbone, della segreteria – dovrebbe credere un po’ di più in se stesso e candidarsi alle primarie anziché battere ritirata al primo sondaggio letto dando poi la colpa a Matteo Renzi”.

Poi l’affondo più netto, direttamente dal vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini:”Non passa giorno senza che Emiliano provi ad aprire fronti nel partito alla cui guida, ‘suo malgrado’, vorrebbe candidarsi. Ogni giorno un attacco frontale al segretario e al partito. La dialettica è assicurata nel pd e la polemica, anche aspra, può essere a volte utile. Ma in questi giorni – ha concluso Guerini – sta assumendo livelli pericolosi, nel solco di esperienze già fatte in passato di tentativi di indebolire il leader di turno”.

Altro tema caldo che riguarda  tutti i partiti e non è esclusivo di un singolo, è la legge elettorale. Matteo Orfini, presidente del Pd, in una intervista a la Stampa si è detto “radicalmente in dissenso con la proposta di Franceschini” che ieri aveva proposto primarie di coalizione, per evitare la scissione nel Pd, e premio di maggioranza alla coalizione e non più alla lista come punto di mediazione con Forza Italia e Ncd sulla legge elettorale. Con il premio di maggioranza alla coalizione “si rischierebbe di mettere completamente in crisi la vocazione maggioritaria del Pd: se si torna alle coalizioni, allora si rischia di tornare anche a Ds e Margherita”.

Orfini è il commento del segretario del Psi Riccardo Nencini “pensa di trattare gli alleati come ascari: utili alle maggioranze parlamentari, dannosi nelle alleanze elettorali. Un’idea medievale della parità e della dignità. Proprio da archeologo. Applicando la teoria orfiniana, il centrosinistra perderebbe anche le città. Lavorerà mica per Grillo?”. “Ricordo a Orfini – ha aggiunto Nencini – che si tratta di condizioni completamente differenti. l’Ulivo era composto da una decina di partiti alleati con Rifondazione, decisiva nella caduta dei due Governi Prodi (nel 2008, a dire il vero, non da sola)”. “La coalizione che ha sostenuto dalla nascita i due ultimi governi – ha proseguito Nencini – non è in nulla paragonabile all’Ulivo: i partiti nazionali sono solo quattro (PD, Scelta Civica, PSI, NCD) mentre gli eredi di Rinfondazione Comunista sono sempre stati, e stabilmente, all’opposizione. Quanto a Pisapia, leggo che un futuro governo riformista vorrebbe sostenerlo, non abbatterlo. È paradossale – ha proseguito Nencini – che Orfini metta in guardia da un rischio che in questi anni non si è mai manifestato tacendo invece le divisioni nei gruppi parlamentari del PD che spesso hanno creato difficoltà al governo. Ha forse dimenticato le dichiarazioni di Bersani sulla valutazione di volta in volta degli atti dell’esecutivo Gentiloni?”.

Nencini ha poi esortato a “parlare meno di legge elettorale e di approvare misure necessarie agli italiani. Giacciono in parlamento provvedimenti che vanno portati a termine entro questa legislatura. Dal codice della strada al reddito di inclusione, dal testamento biologico al ‘correttivo’ al nuovo Codice Appalti”. Nencini ha fatto un appello a Laura Boldrini e Piero Grasso affinché questi provvedimenti arrivino fino in fondo: “Mi rivolgo ai presidenti di Camera e Senato perché le conferenze dei Capigruppo calendarizzino quanto prima proposte e disegni di legge in dirittura d’arrivo”.

Ginevra Matiz

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento