giovedì, 15 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Mosca:
Urge un Manifesto per una vera Unione d’Europa
Pubblicato il 20-02-2017


Caro Direttore,
l’Europa orientale, storicamente il ventre debole del nostro continente, attraversa un’epoca che assomiglia molto a quella di un secolo or sono, caratterizzata da una rinascita di nazionalismi e di energie retrograde: a est di quella che fu la Cortina, Putin fomenta la mai del tutto sopita diffidenza di quei popoli verso i metodi democratici.
I Balcani, notoriamente una polveriera, rischiano di prendere fuoco da un momento all’altro: Turchia e Grecia ai ferri corti, iugoslavi e albanesi anche. E anche qui, alla finestra, la Russia, che coltiva, complice il suo nuovo alleato Erdogan, l’antico sogno dello sbocco sul Mediterraneo.
In Francia la Le Pen potrebbe vincere, in Germania l’estrema destra avanza, nei Paesi Bassi idem. E che sarà si noi se nascerà un’alleanza m5s-Lega-FI?
Lascia perplessi la riluttanza, all’interno della UE, a condannare, e non solo con parole di circostanza, le dichiarazioni e le azioni di capi politici, e in alcuni casi capi di governo, che non si preoccupano di additare a milioni di persone dei nemici da odiare (Islam, arabi, immigrati, UE, mezzi di informazione liberi) e a intraprendere misure illiberali e che violano diritti fondamentali (questo accade, oramai da tempo, qui in Ungheria)
Modestamente, da semplice cittadino europeo, auspico che si inizi a prendere in considerazione l’unità politica dell’Europa. Oggi, e mai come oggi, essa appare come l’unico antidoto non solo ai nazionalismi e ai populismi, che tanti danni hanno fatto in passato, ma anche alla distruzione stessa dell’Europa. È in gioco la libertà di tutti noi europei.
O togliamo di mezzo frontiere e governi nazionali creando una vera Unione, politica e militare, che permetta anche di superare la Nato e scrollarci di dosso il protettorato americano, oppure Trump e Putin ci mangeranno. Certe cose possono accadere molto più in fretta di quanto non si pensi.

Cordiali saluti,
Mario Mosca

Mario Mosca

Sono nato a Napoli nel 1976, cresciuto in penisola sorrentina, attualmente risiedo a Budapest, Ungheria. Accompagno gruppi di turisti di lingua inglese in viaggi ed escursioni in tutta Europa.

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento