martedì, 25 aprile 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

“Uninettuno”, nuovi modelli accademici tra Università
Pubblicato il 01-02-2017


“Aprender, emprender, prosperar”: apprendere, intraprendere, progredire. Sono queste le parole che riassumono lo spirito e l’obiettivo dell’accordo ora firmato tra il Consiglio Nazionale delle Università del Nicaragua (CNU) e l’Università Telematica Internazionale “Uninettuno” di Roma: rispettivamente rappresentati dal Ministro del Presidente della Repubblica del Nicaragua ( attualmente, ancora il mitico ex- rivoluzionario Daniel Ortega, alla guida dell’insolita coalizione tra FSLN e  parte della destra), Francisco Telémaco Talavera Siles, che presiede il CNU, e dal Rettore  Uninettuno, Maria Amata Garito.

L’accordo ha come obiettivi: la creazione di programmi accademici condivisi; il riconoscimento del doppio titolo di studio; l’avvio di corsi di qualificazione e riqualificazione professionale per favorire l’inclusione sociale; la creazione di un Polo Tecnologico Uninettuno in Nicaragua e lo sviluppo della “Universidad Abierta en Línea”, un recentissimo progetto che il Governo del Nicaragua vuole realizzare in collaborazione con Uninettuno.
“In molte parti del mondo – ha commentato infatti il ministro Talavera Siles, giunto in Italia appositamente per la firma dell’accordo – è ancora diffusa un’educazione del XX secolo. La cosa più difficile è cambiare la mentalità, anzitutto dei docenti. La vostra esperienza deve aiutarci a trasformare le università e a usare la tecnologia come mezzo e non come fine: solo così potremo davvero rendere più democratico l’accesso al Sapere”.
Visione del tutto condivisa dal rettore di Uninettuno, prof. ssa Garito: “Quest’accordo – sottolinea –   è molto importante. La nostra Università si impegna a mettere a disposizione la sua esperienza, la piattaforma didattica, il modello psico-pedagogico, frutto di oltre 20 anni di ricerca, e il modello organizzativo: che han fatto sì che Uninettuno diventasse l’università telematica leader a livello globale, dal carattere internazionale, e con studenti provenienti da oltre 156 Paesi del mondo. L’accordo segna un passo in avanti nei rapporti accademici e culturali tra Italia e Nicaragua, all’insegna della qualità, del rispetto delle culture e di un uso consapevole delle nuove tecnologie”.

Fabrizio Federici

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento