martedì, 25 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

A proposito di terrorismo islamico…
Pubblicato il 25-03-2017


Layla Yusuf che, con Maryam Ismail, fondatrici dell’associazione Musulmani laici, hanno aderito al Psi dopo un trascorso non soddisfacente nel Pd milanese, che ha preferito eleggere una donna vicina ai Fratelli musulmani in Consiglio comunale, posta su Facebook: “Non bisogna trovare alibi agli assassini, criminali e terroristi. Dopo l’attentato di Londra, la fiera delle banalità italiane: vediamole una per una.

1) Colpa del razzismo anti-islamico? Esiste anche il razzismo contro le persone di pelle nera, eppure nessuna di loro pratica il terrorismo per questo.
2) Il problema è che a Milano non c’è una moschea. Peccato che Londra, oltre che Parigi, abbiano tutte le moschee del caso. Eppure non sono state risparmiate da attentati, anzi,
3) E’ colpa della crisi economica. La crisi c’è per tutti: filippini, cinesi e rumeni inclusi, Eppure nessuno di loro fa attentati.
4) Mancano le politiche dell’integrazione. Se così fosse, bisognerebbe prendere a modello di integrazione l’unico Paese che non ha subito attentati: l’Italia. Lasciamo perdere.
5) Colpa della politica dei muri. Eppure anche la Germania – che ha aperto le porte a un milione di immigrati – ha subito il terrorismo in casa.
6) Colpa del colonialismo. Anche l’India (oltre tanti altri Paesi) ha subito il colonialismo, eppure non conosciamo indiani terroristi.

Alla base di tutte queste giustificazioni c’è un’idea: se ci colpiscono è colpa nostra. Ma nel caso del fondamentalismo islamico è inutile cercare motivazioni in noi, il problema è loro. Basta pensare che questi assassini uccidono anche musulmani a casa loro (che certo non sono colonialisti o anti-islamici o contro le moschee), dalla Somalia all’Algeria, dal Pakistan all’Arabia Saudita. Uccidono bambine la cui colpa è di andare a scuola, uccidono musulmani che vanno al mercato, uccidono intellettuali musulmani. Il problema dunque, come con le Brigate Rosse, sta nei terroristi. Non nelle vittime”. Aggiungo solo. Bene. Sono pienamente d’accordo e dedico queste considerazioni ai tanti colpevolisti occidentali che ancora non hanno capito nulla dell’integralismo e del terrorismo islamico.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento