giovedì, 29 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Anche in politica la moneta cattiva scaccia la buona
Pubblicato il 23-03-2017


In economia c’è una legge che resta così fissata nella memoria che non la si dimentica mai. E’ la legge di Gresham, mercante e banchiere inglese del XVI’ secolo, che teorizzò quella che, nei secoli successivi, fu ricordata come la ‘legge della moneta cattiva che scaccia la buona’. E’ una legge abbastanza semplice da spiegare perché nel secolo in cui visse il banchiere circolavano sia monete di bronzo ma anche d’argento e monete d’oro. Era abbastanza pacifico che le monete d’argento e quelle d’oro (moneta buona), avendo un valore intrinseco per il metallo utilizzato, venissero tesaurizzate facendole scomparire dalla circolazione dove imperava la moneta cattiva di bronzo.

E’ ciò che è avvenuto con l’attuale classe politica, che viene rifiutata, quasi in blocco, dall’opinione pubblica perché è considerata ‘moneta di scarso valore’, e viene pertanto dileggiata, attaccata e vilipesa senza alcun risparmio, mentre la ‘moneta buona’, in larga misura, non è più attratta dall’impegno politico, provocando con ciò un abbassamento del livello della classe dirigente. Personalmente si sono salvati dal pubblico ludibrio, ma il Paese ne soffre molto. Ma perché ciò è avvenuto? Quali sono i motivi che hanno determinato gli effetti della legge di Gresham?

Ricondurre tutto alla forte corruzione disvelata nel nostro Paese sarebbe un errore perché la corruzione è solo un effetto e non la causa dell’imperversare della moneta cattiva che messa in circolazione alimenta la stessa che esiste, da tempi immemorabili, con anzianità pari al mestiere più antico del mondo, com’è documentato nel codice Hammurabi di 4/5 mila anni fa. Si può ben dire ch’essa ha accompagnato l’uomo fin da quando lo stesso si è organizzato con i suoi simili. Periodicamente la corruzione ha picchi altissimi nella società, ma ogni volta, nelle varie epoche, l’uomo è riuscito a combatterla e a ridurla a fenomeno residuale e non allarmante.

Ed allora come è potuto accedere che la moneta cattiva sia riuscita a scacciare la buona? Diverse, per la verità, sono le cause che, comunque, sono tra loro complementari. L’azione della Magistratura di sconfinamento nel recinto di altro potere, il ruolo dei media nella diffusione amplificata delle notizie, l’uso di massa, in questi ultimi 20 anni, dei social network e la nascita dei cosiddetti movimenti populisti sono tra le cause principali. Ma andiamo per ordine.

La magistratura ha attivato il processo quando con ‘mani pulite’ ha decimato i gruppi dirigenti dei partiti facendo emergere le seconde e terze file degli stessi partiti. La caccia spietata contro politici come Andreotti, Craxi e poi Berlusconi, con teoremi veri e propri è stato l’antipasto, continuato senza soluzione, con gli avvisi di garanzia, un tanto al chilo, che, quasi regolarmente, vengono smentiti dai processi. E’ chiaro che il mondo politico è diventato un mondo pericoloso e viene sempre più evitato da intellettuali e professionisti, da tecnici di qualità e da economisti veri, gente di cui il Paese avrebbe estremo bisogno ma che preferisce tenersi alla larga.

A questa fuga dall’impegno politico ha contribuito anche la stampa che, invece d’essere il cane di guardia della democrazia, si è ridotta, nel corso degli anni, a far da megafono alle scorrerie giudiziarie esaltandone le gesta e aizzando l’opinione pubblica (in proposito vi è una ‘confessione’ di Piero Sansonetti riportata nel suo libro ‘La sinistra è di destra’ che racconta come si muovevano i media durante ‘mani pulite’). Ricorre quest’anno il XXV’ anniversario della falsa rivoluzione e, come ricordava Paolo Pillitteri in suo formidabile articolo, la vera sigla della ricorrenza non l’ha pronunciata Davigo ma il capo di quella stagione Francesco Saverio Borrelli con un netto ‘Chiedo scusa per il disastro seguito a Mani Pulite”, che significa, aggiunge l’ex Sindaco di Milano, ‘Non valeva la pena buttare il mondo precedente per cadere in quello attuale”.

Per non parlare dei social che, senza regole, sono diventati la ‘piazza’ più becera e qualunquistica che ci si potesse immaginare dove impera l’invettiva, lo sproloquio e la caccia verbale a chiunque occupa un posto di responsabilità a prescindere.

Ma il contributo decisivo lo hanno dato Grillo e Casaleggio, col movimento 5 stelle, portando nell’attuale Parlamento una schiera, non tanto di dilettanti, quanto di incapaci, incompetenti, incolti ed analfabeti politici. E lo hanno fatto, non come usavano selezionare la classe dirigente i partiti tradizionali, ma con un semplice algoritmo che non garantisce capacità e competenza.  Certo ci sono anche, da contare sulle dita di qualche mano, alcuni giovani dalla facile parlantina e in parte preparati che però non riescono a colmare le deficienze visibili dei loro colleghi parlamentari e degli amministratori di Enti locali che sono stati letteralmente sputtanati dalla vacuità ed inesistenza del sindaco di Roma che non si vergogna di affermare, su ogni minuzia, che ‘ho consultato Grillo’ quasi riconoscendogli lo status di ‘padrone assoluto’ del movimento che non riabilita, però, il nulla che la contraddistingue. E’ chiaro che detta presenza allontana delittuosamente chi potrebbe dare un validissimo contributo all’intero Paese. In parole semplici anch’essi riescono a scacciare ‘la moneta buona’.

Il tornare al proporzionale non è per nulla la fine del mondo ma può servire a ricreare le condizioni per ripristinare i tanto massacrati partiti (aldilà delle denominazioni) che, però, hanno la capacità di ‘selezionare’ la classe dirigente che non deve mai più essere concepita come promozione sociale e, a maggior ragione, come trampolino per attività illecite.

Giovanni Alvaro

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Tutto vero, quello che scrivi. A me pare che questi fenomeni, però, non siano “primari”. Un po’ come per la legge di Gresham che dipende dal fatto che qualcuno decida di mettere in circolazione moneta “vile”, anche per la scomparsa della classe politica ancorata a principi e tradizioni, ho l’impressione che ci sia stata una, diciamo così, “causa efficiente” che ha scatenato la degenerazione della classe politica (e un po’ della società).
    Ah, hai dimenticato di Pietro.

  2. Caro Moreno, non ho dimenticato Di Pietro. Anzi penso che tutto, come ho scritto nel pezzo, abbia avuto inizio con ‘mani pulite’ di cui ricorre quest’anno il XXV’ anniversario che registra un Convegno di Davigo e Di Pietro letteralmente fallito e una dichiarazione di Saverio Francesco Borrelli che suona così: “chiediamo scusa per il disastro che abbiamo provocato” come a dire ‘non valeva la pena distruggere il vecchio mondo per essere proiettati in quello attuale’.

Lascia un commento