mercoledì, 20 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bersani sulla strada di Damasco, torna e ricasca!
Pubblicato il 29-03-2017


Decisamente il tentativo di Bersani, di stabilire un contatto con i grillini in una situazione aggravata e più distante del primo tentativo (per una avversione all’Europa ed all’euro ribadita senza tentennamenti in competizione con la Lega di Salvini) più che di conversione ha il sapore amaro di un’avversione verso Renzi ed il suo PD che sa dell’ossessione, di una rivincita costi quel che costi. Non si può spiegare razionalmente, stante il suo sicuro ancoraggio alla famiglia socialista e progressista europea, che non fa mistero di battersi per l’unità del vecchio continente, come elemento indispensabile nella sfida con vecchie e nuove potenze mondiali. Questa autentica fuga in avanti richiama alla mente uno scenario ben noto nella sinistra dem: la concorrenza tra i compagni di cordata per una primazia che conferma il detto:” troppi leader nessun leader!”. Ma c’è di più, bontà sua. Bersani accredita il M5stelle come una forza di centro che sposandosi con i secessionisti concorrerebbe ad un inedito centro-sinistra in concorrenza con quello renziano ancor più ricacciato al centro.

La risposta a questa brillante prospettiva non si è fatta attendere anche se da una figura minore del M5stelle: “Un vade retro Satana tentatore” perché Bersani rappresenterebbe una sorta di cavallo di Troia che attenterebbe all’integrità del movimento, che se si sposta a destra o a sinistra si spacca. Se ci sarà bisogno di alleanze, perché nessuno raggiunge il 40% per aggiudicarsi il premio di maggioranza, per i pentastellati meno compromettenti e più affini sarebbero gli euroscettici di Salvini e della Meloni. E’ lecito chiedersi da che cosa scappi Bersani per liquidare l’attaccamento alla ditta e ai suoi valori? Mi sembra che non ci siano dubbi poiché l’altra scelta sul tappeto, che richiede umiltà e coraggio a chi volesse aderirvi, è quella di Pisapia federatore di un nuovo Ulivo che postula l’accordo con il PD, socio di maggioranza, magari con un passo indietro di Renzi ed uno davanti di Orlando o tirando la corda al massimo a guida Pisapia, comunque con Renzi ancora segretario del partito e pars magna della nuova alleanza. Non stupisce che gli scissionisti si schierino contro il Mattarellum o l’uninominale all’inglese e che portino acqua al proporzionale, per contarsi e poi si vedrà alla faccia della governabilità…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento