giovedì, 20 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dombrovskis: l’Italia rispetterà gli impegni
Pubblicato il 24-03-2017


Valdis-Dombrovskis-PadoanIl Ministro dell’Economia e Finanze Pier Carlo Padoan, avrebbe convinto il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis nell’incontro odierno presso il Mef. A seguito dell’incontro, nel corso di una conferenza stampa, Valdis Dombrovskis ha dichiarato: “L’Italia avrà una crescita di circa l’1%. E’ una ripresa modesta ed è importante rimanere in rotta rispetto alla traiettoria fiscale e di riforme”. Poi ha aggiunto : “Per quanto riguarda il 2018 non abbiamo discusso nel dettaglio, ci sono una serie di elementi che dovremmo analizzare in riunioni future. Ci saranno ulteriori discussioni per verificare quale traiettoria fiscale è stata presa. Vedremo se è appropriata con la necessità di riportare il debito pubblico sulla strada giusta”. Sulla correzione dei conti pubblici, pari allo 0,2% del Pil, ha detto: “C’è un impegno molto concreto reiterato da tutti i ministri e da tutto l’establishment. Il tempo ci dirà come andrà la manovra che verrà varata in primavera”.

Il Ministro Padoan ha commentato positivamente sull’incontro dicendo: “È stato un incontro molto fruttuoso e il processo di consolidamente del bilancio continua lungo le linee concordate”.

Ieri il Vicepresidente della Commissione Ue, in un incontro con i giornalisti ha anticipato: “Obiettivo del bilaterale è la discussione sulle misure che il governo italiano sta preparando allo scopo di evitare la procedura per violazione del patto di stabilità e del piano di riforme nazionali”.

Oggi, uscendo dall’incontro ha anche dichiarato : “L’Italia è uno degli stati membri che ha ancora qualche importante disavanzo macroeconomico. È fondamentale rimanere sulla rotta nell’agenda di riforme, che sono molto ambiziose”. Secondo il vicepresidente Ue, tra gli Stati membri, Italia compresa, “ci sono stati dei progressi nell’affrontare le raccomandazioni della Commissione, ma c’è ancora spazio per un miglioramento in molti Paesi”.

Riferendosi alle problematiche delle banche, Dombrovskis ha detto: “La questione dei crediti non esigibili va affrontata innanzitutto a livello nazionale, ma alcuni aspetti possono essere affrontati anche a livello europeo”.

In merito Padoan ha precisato: “Nel corso del bilaterale, si è parlato del settore bancario italiano, con attenzione alla situazione di specifiche banche. L’occasione per una discussione in ambito Ue del problema npl, sarà il prossimo Ecofin informale di Malta”.

Il Ministro Padoan, al termine dell’incontro con Dombrovskis, ha anche detto: “Abbiamo toccato molti temi, alcuni specifici relativi all’Italia e al processo di riforma del Paese, di sostegno alla crescita e di consolidamento del bilancio, processo che continua lungo le linee che abbiamo concordato”.

Dunque, si andrà avanti nel percorso tracciato attraverso la manovra che sarà varata al prossimo mese di aprile per evitare la procedura di infrazione del patto di stabilità.

Salvatore Rondello

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento