sabato, 24 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Francesco Brancaccio
Basta con compagni alla “Giacinto Mazzatella”
Pubblicato il 06-03-2017


Basta con compagni alla “Giacinto Mazzatella” riportiamo lo scontro nelle sedi deputate

Quando si rispettavano i partiti ricordo che i compagni utilizzavano le sedi deputate per confrontarsi ed a volte anche scontrarsi sempre e solo su di un piano politico, alla fine esisteva sempre un codice etico e morale comportamentale dove il confronto si basava solo su piani politici rispettando sempre l’avversario e cercando di trovare sempre una sintesi verso unità.

E lo stesso rispetto si portava anche per esponenti di altre forze politiche. Oggi questa voglia di protagonismo che mette l’individuo in primo piano porta spesso pseudo compagni ad attaccare il partito stesso e ingiuriando gli stessi compagni di viaggio.

È il caso del Sig. Gerardo Labellarte, che spesso utilizza i network e la rete per aprire tribune pseudopolitiche attaccando contro la linea politica nazionale ed ingiuriando contro il gruppo dirigente nazionale.

La definisco Signore e non compagno perché una persona che non rispetta il partito stesso e non applica un codice etico e comportamentale non può vestirsi di tale titolo, almeno sotto una visione socialista.

Il suo comportamento è paragonabile a “Giacinto Mazzatella” un famoso personaggio di un film di Ettore Scola “Brutti, sporchi e cattivi”, un personaggio che sopravvivere nella periferia romana degli inizi degli anni 70 nella totale miseria morale senza rispettare la famiglia stessa.

Caro sig. Gerardo Labellarte bisogna riportare il confronto e lo scontro su un piano politico e soprattutto riportarlo nelle sedi opportune per ridare dignità e rispetto al partito, continuando su questa linea si fa del male al partito stesso ma soprattutto ai tanti compagni che quotidianamente lavorano con passione nelle varie sezioni territoriali sforzandosi di tener accesi i valori e la storia del socialismo italiano.

Francesco Brancaccio

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento