sabato, 22 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giletti: 42mila euro al mese?
Pubblicato il 29-03-2017


Si scatenano sui social contro Cirino Pomicino che ha accusato Giletti di parlare dei vitalizi e di incassare 42mila euro al mese dalla Rai. Ma scusate, é vero che la Rai paga Giletti 42mila euro al mese? Perché la Rai é pubblica e sono soldi dei cittadini. E un vitalizio, per quanto alto, non raggiunge un quinto dello stipendio di Giletti. Possibile che uno così si senta la coscienza a posto quando parla dei soldi degli altri? Adesso i vitalizi sono stati aboliti ed esistono solo pensioni contributive percepite a 65 anni nell’ordine di alcune centinaia di euro. Cioè tanto dai e tanto avrai. In più si é trovato un modo costituzionale per prelevare soldi a chi il vitalizio lo percepisce già. Una specie di tassa di solidarietà triennale a scalare sul reddito. Ben venga. No, continua la polemica dei Cinque stelle e di Giletti. E i Cinque stelle imperversano ovunque. Sono il sintomo del malessere. Non sono i dottori. Anzi, vedasi Roma, sono farmaci che aggravano la malattia. Pomicino non è mai stato il mio modello di uomo politico. Ma è persona intelligente e colta. E negli anni ottanta l’Italia sconfisse inflazione e terrorismo. Con una crescita superiore al 2 per cento. Se gli italiani preferiscono gli idioti, avanti, c’é posto…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Forse è meglio lasciar stare quello che preferiscono (ed hanno preferito) gli italiani…
    Piuttosto, Direttore, potrebbe valere la pena di far sapere alcuni trattamenti economici di esponenti di pubbliche imprese. Forse aiuterebbe a fare chiarezza.
    Si parla tanto di populismo; ma quanto ha fatto per la sua promozione il qualunquismo che negli ultimi dieci anni ha visto all’avanguardia TV, giornali e.. partiti?

Lascia un commento