sabato, 24 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il ciclone Trump continua
a sorprendere il mondo
Pubblicato il 01-03-2017


trumpIl presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, durante il suo primo discorso al Paese ha esposto i suoi punti chiave: ampia revisione della riforma dell’immigrazione “per dare lavoro agli americani”, un aumento dei salari, norme per investimenti da mille miliardi di dollari e soprattutto la revisione della riforma sanitaria conosciuta come Obamacare. “Quello oggi stiamo testimoniando e il rinnovo dello spirito americano. I nostri alleati sapranno che l’America è ancora una volta pronta a guidare il mondo, tutte le nazioni del mondo, amici o nemici capiranno che l’America è forte, l’America è orgogliosa, l’America è libera”, ha dichiarato il numero uno della Casa Bianca, iniziando il discorso con una condanna all’antisemitismo e di ogni forma di intolleranza.

Da quando il neo presidente Trump è stato eletto ha dimostrato il suo carattere arcigno. Vediamo nello specifico i punti chiave dell’Obamacare: l’obiettivo della riforma era quello di aumentare la qualità ed affidabilità delle coperture assicurative abbassare la percentuale di popolazione non assicurata, ridurre i costi della sanità sia per le persone che per il governo. La previsione era quella di arrivare a 32 milioni in più di persone tutelate da una polizza sanitaria (e i dati sui risultati della riforma sembrano attualmente confortanti), diminuendo i casi di collasso finanziario delle famiglie americane dovuti alla necessità di cure mediche -eventualità drammaticamente frequente negli USA- con una diminuzione della spesa pubblica destinata alla sanità.

Tutto questo poteva essere possibile solo attraverso l’applicazione di 5 punti fondamentali. In parole povere è una soluzione sanitaria non compatibile ai piani di Trump. Gli Stati Uniti devono prepararsi ad un cambiamento radicale. Oltre alla riforma sanitaria, dovrebbe esserci anche quella della giustizia.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento