mercoledì, 20 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il digitale conquista il mondo dell’Industria
Pubblicato il 30-03-2017


marco gay“Sono convinto che il digitale ridistribuisca posti di lavoro”, dice il presidente dei Giovani di Confindustria, Marco Gay, in un forum con il country manager per l’Italia di Facebook, Luca Colombo. Oggi il 22% delle posizioni di lavoro disponibili in Italia non trova addetti perché mancano le e competenze”, mentre l’Ue stima che ci saranno 500mila nuovi posti di lavoro in tre anni grazie alle competenze digitali. Ed oggi, in Italia, sei ragazzi su dieci studiano per un lavoro che ancora non c’è, i mestieri del futuro. La sfida è “capire come andare a colmare quel 22% in un Paese che ha il 40% di disoccupazione giovanile, e capire come andarci a prendere quei 500mila posti di lavoro in Europa. Gay ribadisce: “La sfida digitale distrugge i posti di lavoro? La risposta è che li ridistribuisce, ma dipende da tutti gli attori in gioco, perché il cambiamento o lo subisci o lo gestisci. E la digitalizzazione va gestita meglio rispetto a come sono state gestite altre sfide come quella la globalizzazione”. Il digitale è la nuova frontiera dell’economia internazionale.

”Nell’indice – lo sottolinea il numero uno dei giovani industriali italiani – di digitalizzazione europea l’Italia è al 25mo posto su 28. Una posizione che non rispecchia assolutamente l’intensità e la volontà di un mondo che della digitalizzazione cerca di fare una leva, una delle leve, dell’economia. Non ci fa onore essere in fondo alla classifica. Inoltre è una contraddizione assurda perché siamo il secondo paese manifatturiero europeo ma terz’ultimi nella digitalizzazione, delle due”.

Anche il rappresentante di Facebook Colombo dice la sua, intervenendo sul fronte privacy e imprese. “La gestione – dice il manager di Facebook – dei dati è importante per le aziende e per gli utenti, ci vuole educazione su questi temi. Le aziende devono comprendere la regolamentazione, gestire i dati delle persone correttamente altrimenti a lungo termine ne pagano le conseguenze. Riguardo poi la digitalizzazione delle imprese, l’Ad di Facebook Italia ha spiegato che i dati dicono sempre di più che i consumatori vanno su mezzi digitali, c’è stata una vera rivoluzione con il ‘mobile’, un cambiamento profondo e veloce e bisogna capire le variabili che regolano questo cambiamento. Una rivoluzione faticosa ma ricompensata dai vantaggi che il digitale porta con se'”.

Agrippino Castania

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento