giovedì, 29 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Intervento di Pia Locatelli
Pubblicato il 08-03-2017


Signor Presidente del Consiglio,

dopo la Brexit e le novità che arrivano dalla Casa Bianca, il tema di una Difesa comune è tornato di attualità. Ad esso si accompagna una più acuta sensibilità per quanto avviene nell’area del Mediterraneo e in particolare nel Medio Oriente, ma anche nei Balcani Occidentali, di recente al centro di una visita di Mogherini.

C’è poi il tema della gestione dei flussi migratori. Su questo l’Europa è profondamente divisa perché c’è una minoranza, di cui misureremo la consistenza nelle elezioni che si terranno a breve in Francia e in Olanda, che coltiva odi e paure rendendo difficile attuare politiche comuni improntate al rispetto dei diritti umani, alla solidarietà, e non solo alla sicurezza.

Su questo fronte, con la Grecia, siamo fortemente esposti e non potremmo sottovalutarlo, neppure volendolo, per banali ragioni geografiche mentre ci sono Governi europei che, per quanto attiene i ricollocamenti, non rispettano neppure gli impegni assunti.

Recentemente il presidente della Commissione Juncker e il commissario Avramopoulos hanno sollecitato aiuti per Italia e Grecia, una cooperazione continua con Egitto, Tunisia, Algeria mentre noi la stiamo implementando con la Libia, ma c’è un dato che merita la più grande attenzione: si prevede di dover rimpatriare complessivamente un milione di immigrati!

Di fronte a questi numeri serve qualcosa di più che il ventilare l’apertura di procedure di infrazione contro i Governi inadempienti per i ricollocamenti.

È arrivato il tempo delle decisioni che possono contribuire a salvare il progetto europeo come quella di un’Europa a più velocità e di una gestione concretamente unitaria dei flussi migratori.

L’Italia, terzo Paese dell’Ue, può e deve giocare il ruolo che le spetta perché ne va del nostro futuro.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento