venerdì, 28 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Intervista a Kelly Rolleston. Rugby a XIII potrebbe salvare il XV
Pubblicato il 11-03-2017


italia francia

Per gli Azzurri, dopo il “particolare” match di Londra, è tempo di Francia (ore 14.30, diretta DMAX dalle 13.50). Si riparte, quindi, da una partita con l’Inghilterra che per diversi osservatori si poteva vincere. L’ennesima incompiuta da archiviare.
Ma il tormentone che circola da oltre una settimana è “cosa avrà escogitato il team di Conor O’Shea”? Perché qualcosa ci si deve inventare per battere i transalpini specialmente oggi che Guy Noves gli ha riportati all’antico sfarzo. Se non sono tornati al “rugby méthode champenoise”, ci siamo quasi. Mischie granitiche, tre-quarti indomabili è sempre stato il cliché. Ed è su questo “abbecedario” che si basano le nozioni di Noves. Trentotto scontri diretti e tre sole le vittorie italiane, l’ultima nel 2013, e qualcuna sfiorata. Gli azzurri, alla disperata ricerca di un centro di gravità permanente, tenteranno l’impresa di riportare la vittoria dopo due anni di sconfitte assolute nel Sei Nazioni. Cambi obbligati rispetto alla squadra scesa in campo a Twickenham. L’infermeria ha costretto O’Shea a scelte vincolate e così a tallonatore torna Ghiraldini al posto di Gega a guida di una prima linea che sarà sicuramente sollecitata dai francesi, Canna sostituirà Allan affiancando Gori in mediana, mentre Esposito si occuperà dell’ala. Grande attesa nella conferma dei centri azzurri dopo la bella prestazione in Inghilterra certi che McLean e Campagnaro saranno sicuramente chiamati a fare gli “straordinari” difendendo e offendendo in quella che è la zona nevralgica del gioco d’Oltralpe. Anche in panchina c’è una novità assoluta. Nella bolgia dell’Olimpico potrebbe esordine Luca Sperandio, l’ala della Benetton classe 1996, a detta degli esperti, sicuro talento.

Abbiamo sentito Kelly Rolleston per una chiacchierata anche fuori dagli schemi essendo uomo di rugby a 360°. Mastica sia Union, sia rugby League. Neozelandese di nascita è l’attuale allenatore del Rugby Piacenza per il rugby a XV e della nazionale di rugby a XIII italiana. Con una carriera durata un ventennio, ha ricoperto il ruolo da “estremo” giocando sia in Italia, sia in Francia, dove ha contribuito a portare il Castres alla finale di Challenge Cup 1999/2000. Un utily-back di carattere, con grande acume tattico e un senso vivissimo nella segnatura, fosse la meta come il calcio. Regole permettendo, sarebbe potuto essere “l’equiparato” che in quegli anni cercavamo, sicuramente capace di togliere diverse castagne dal fuoco alla nazionale italiana.

Oggi a Roma c’è la Francia, cosa dobbiamo aspettarci da questo confronto?
Alla fine, come sempre, sarà molto difficile. Dopo alcuni anni di un quasi decadimento e formazioni non sempre “migliori”, la Francia di Noves, è tornata ad essere una squadra tecnica, di estrema fisicità che gioca con piacere. Questo é sufficiente per creare problemi a chiunque quindi attendiamoci un confronto durissimo in tutti i sensi dove l’attenzione ai particolari faranno la differenza.

Ma quando hai visto che a Twickenham non “contestavamo” il pallone cosa hai pensato?
E’ stata una scelta corretta, non sono d’accordo con le “lamentele” di Eddie Jones (CT Inghilterra ndr) perché quanto hanno fatto, gli Azzurri è regolare e fa parte del gioco. Bisogna anche premiare l’arbitro per la lettura che ha dato. Certo, non credo che rivoluzionerà il gioco del rugby, alcuni anni fa fu utilizzato anche dai Chiesf (club neozelandese che milita in Super 15), ma è assolutamente adottabile di tanto in tanto secondo l’avversario che hai di fronte. Ci sono dei nodi da affrontare e con questa difesa hai creato spazi ed è la tattica giusta. Ripeto, non è tipico ma funziona.

Campagnaro ma anche altri giocatori stanno dimostrando quanto abbia giovato la scelta di giocare all’estero. Per chi è arrivato dall’altra parte del Mondo la visione è per le franchigie italiane o per far crescere i giocatori in club stranieri?
I risultati delle franchigie italiane (Zebre e Benetton ndr) fanno indubbiamente capire quanto facciano fatica. Giocando all’estero hai la possibilità di vivere un rugby veramente strutturato ma è anche vero che alcuni Paesi, vedi il Galles, stanno chiedendo ai propri giocatori di rientrare perché ci sono chiari vantaggi come il poter giocare insieme conoscendosi meglio. Poi giocare il Top 14 (massimo campionato francese ndr) il livello è così alto che la crescita è naturale mentre diverso è se non vinci nel Top12 (campionato celtico dove sono state ospitate le due franchigie italiane).

Si vedono piloni e seconde linee straniere veloci quanto i nostri tre-quarti. Un tasto dolente sono anche le proprietà fisiche?
La base sono i bambini che praticano il rugby, questa è la materia prima. La preparazione iniziale è essenziale per il tipo di sviluppo che avranno.Il difficile è nel tempo da dedicare al rugby ed il complicato è la qualità che gli si dedica. Ho visto una squadra di pallanuoto russa under8 che faceva cose che qui non fanno gli under16. Sono favorevole alle Accademie. Nel rugby italiano si deve alzare il livello dei campionati e per questo servono centri di formazione. Altrimenti ci si deve accontentare che di tanto in tanto nasca qualche buon giocatore.

Anche nel XV dell’Emisfero Nord si attinge dal XIII, che siano tecniche di gioco come giocatori. Quanto è penalizzante il fatto che in Italia sia pressoché assente?
E’ un fattore che oggi giorno si sconta. Dev’essere chiaro come siano due sport diversi ma chi li “gioca” entrambi da un vantaggio importante alla propria squadra. Il contributo che danno al XV i giocatori provenienti dalla Rugby League è evidente. Un esempio è l’importanza della tecnica di Te’o nella nazionale inglese. Sono arrivato del rugby league italiano nel 2010 e ad oggi non si può dire che in Italia sia veramente decollato limitandosi ad un campionato estivo.

Gli Azzurri a XIII potrebbero dare un contributo al XV?
Credo proprio di sì. La nazionale azzurra in League è composta praticamente da giocatori italo-australia, orgogliosi delle loro origini. Atleti veramente preparati di gran qualità e degni di attenzione come Tedesco fra i migliori tre-quarti del campionato NRL. Ed essere considerato tale in Australia significa veramente di possedere qualità elevate.
Gower passò dal XIII al XV giocando un 6Nazioni con gli Azzurri, ora Mirco Bergamasco fa parte della nazionale a XIII, si parla però di giocatori a fine carriera. L’impedimento maggiore è che questi ragazzi militano in NRL, professionisti con contratti importanti e spostarsi in Europa potrebbe risultare non agilissimo.

Per l’imminente Coppa del Mondo di Rugby League quale speranze ci sono per l’Italia?
Nel girone di qualificazione europeo la sconfitta contro il Galles ci ha relegato al secondo posto ma battendo nettamente la Russia siamo riusciti a qualificarci per la fase finale. Siamo consci di essere in un girone difficile con Fiji e USA ma la speranza è fare un passo in avanti e qualificarci per la fase successiva.

ITALIA 15 Edoardo PADOVANI, 14 Angelo ESPOSITO, 13 Michele CAMPAGNARO, 12 Luke MCLEAN, 11 Giovanbattista VENDITTI, 10 Carlo CANNA, 9 Edoardo GORI, 8 Sergio PARISSE, 7 Simone FAVARO, 6 Abraham STEYN, 5 Andries VAN SCHALKWYK, 4 Marco FUSER, 3 Lorenzo CITTADINI, 2 Leonardo GHIRALDINI, 1 Andrea LOVOTTI. CT Conor O’Shea a disposizione16 Tommaso D’APICE, 17 Sami PANICO, 18 Dario CHISTOLINI, 19 George BIAGI, 20 Maxime Mata MBANDA’, 21 Giorgio BRONZINI, 22 Tommaso BENVENUTI, 23 Luca SPERANDIO.

FRANCIA 15 Brice DULIN, 14 Noa NAKAITACI, 13 Remi LAMERAT, 12 Gael FICKOU, 11 Virimi VAKATAWA,10 Camille LOPEZ, 9 Baptiste SERIN, 8 Louis PICAMOLES, 7 Kevin GOURDON, 6 Fabien SANCONNIE, 5 Yoann MAESTRI, 4 Julien LE DEVEDEC, 3Rabah SLIMANI, 2Guilhem GUIRADO, 1Cyril BAILLE. Ct Guy NOVES a disposizione: 16 Christopher TOLOFUA, 17 Uini ATONIO, 18 Eddy BEN AROUS, 19 Paul JEDRASIAK, 20 Bernard LE ROUX,, 21 Antoine DUPONT, 22 Francois TRINH-DUC, 23 Yoann HUGET

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento