martedì, 25 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Corte di Giustizia: “Vietare il velo islamico si può”
Pubblicato il 14-03-2017


Hijab Day ImmigrationVietare alle donne di indossare il velo islamico sul posto di lavoro è discriminatorio nei confronti delle musulmane? No, se il datore di lavoro vuole dipendenti vestiti in modo ‘neutro’, cioè che non esibiscano alcun segno politico, filosofico o religioso in modo evidente. Con questa sentenza la Corte di Giustizia dell’Ue mette fine ad un dibattito che in passato ha diviso la Corte stessa, ma che difficilmente si acquieterà visto che le associazioni di difesa dei diritti umani come Amnesty, e la comunità ebraica, sono già insorte, temendo che la decisione spalanchi le porte ai pregiudizi. Il pronunciamento della Corte arriva dopo la valutazione di due cause: entrambe donne, musulmane, licenziate dalle rispettive aziende per essersi rifiutate di rinunciare al velo sul luogo di lavoro. Una centralinista, l’altra consulente informatico.

La prima in Belgio e l’altra in Francia, due Paesi dove la presenza musulmana è tra le più significative d’Europa. La centralinista, Samira Achbita, si è opposta al divieto di velo nonostante fosse previsto dal regolamento interno della sua azienda. La Corte Ue, valutato il caso alla luce della ‘direttiva sulla parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro’, ha stabilito che “la norma interna non implica una disparità di trattamento direttamente fondata sulla religione o sulle convinzioni personali”. Potrebbe, certo, rappresentare una discriminazione “indiretta”, qualora venga dimostrato che l’obbligo di abbigliamento neutrale comporta un particolare svantaggio per le persone che aderiscono ad una determinata religione o ideologia. Ma anche in questo caso, la “discriminazione indiretta può essere giustificata da una finalità legittima, come il perseguimento, da parte del datore di lavoro, di una politica di neutralità politica, filosofica e religiosa nei rapporti con i clienti”. Nel secondo caso, invece, alla consulente informatica francese, Asma Bougnaoui, era stato chiesto di togliere il velo in seguito alle lamentele di un cliente. Sebbene la Corte sottolinei come non sia obbligatorio per un datore di lavoro assecondare le richieste di un cliente, rimanda però alle motivazioni dell’altro caso. E quindi, se ci si appella alla necessità di abbigliamento neutrale, il divieto è legittimo. La sentenza fa discutere. “Deludente” secondo Amnesty, perché offre ai datori di lavoro “più margini di manovra per discriminare donne e uomini sulla base delle loro credenze religiose”. Molto critico anche il rabbino capo Pinchas Goldschmidt, Presidente della Conferenza dei rabbini europei: l’Europa sta mandando un messaggio chiaro: “le sue comunità religiose non sono più le benvenute”. Anche la rete europea di ong contro il razzismo (Enar) protesta: “Questo giudizio forza le donne musulmane che portano il velo, i sikh che portano il turbante e gli ebrei in kippah a scegliere tra la loro espressione religiosa, che è un diritto fondamentale, e il loro diritto di entrare nel mercato del lavoro”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento