venerdì, 26 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La politica di Fazio
Pubblicato il 31-03-2017


E anche per Fazio la politica e solo la politica è responsabile dei misfatti in Rai. È’ bastato che si ponesse il problema di mettere un tetto ai contratti delle star perché si alzasse il dito contro la politica. Bene. Veniamo ai fatti. Se le qualità di un artista, sia un conduttore televisivo, un attore, un comico o che altro, sono tali da raccogliere pubblicità e da intrattenere un vasto pubblico, ‘calmierare per contratto’ è una pratica da valutare con attenzione. Servono regole che non pianifichino l’egualitarismo penalizzando il talento ma che tengano conto di una verità: in Italia, la Rai produce audience ben oltre le private. Anche questo è un valore per chi vi lavora. Eccome se lo è. Un bel trampolino. E però voglio aggiungere un’altra considerazione. In tempi di emergenza, stringere la cinghia non fa male a nessuno.

Chi comincia? Non ho dubbi: chi porta responsabilità pubbliche. La questione vitalizi è proprio lì, davanti ai nostri occhi. Le modifiche ci sono state e vanno nella direzione giusta. Si può fare qualcosa di più. Riallineare il più possibile al contributivo (la qual cosa vale anche per le pensioni classiche) toccando chi gode di assegni ben superiori alle quote versate. La strada da battere: contributi di solidarietà da commisurare in maniera progressiva sulla base di alcuni criteri, dal livello della pensione percepita al gap tra contributi versati e pensione (vitalizio) riscossa, dalla condizione economica della famiglia (tipo ISEE) alla previsione di principi che escludano, nel percepimento, differenze di età con i cittadini.

Questo dovremmo fare. Ora. La risposta migliore ai Fazio di turno.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento