giovedì, 29 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mamma domani, un bonus di 800 euro per le donne
in dolce attesa
Pubblicato il 22-03-2017


Inps

BONUS MAMME FUTURE ANCHE AI PREMATURI

Grazie all’ultima legge di Bilancio le donne in dolce attesa hanno diritto a un contributo di 800 euro, chiamato “Mamma domani”. Un bonus, spiegava il ministro per la Famiglia, Enrico Costa, per le “prime spese” legate al lieto evento: gli esami pre parto, i farmaci, il passeggino, la culla, i vestitini. Tutto a partire dal 1° gennaio 2017. Solo che ad oggi, del modulo per fare domanda, non c’è ancora neanche l’ombra.

Sebbene importanti novità sono recentemente intervenute sulla nuova misura assistenziale. Hanno infatti diritto al bonus mamma domani 2017 tutte le donne che partoriscono un figlio, Anche se la nascita avviene prima dell’ingresso nell’ottavo mese di gravidanza. È quanto ha comunicato l’Inps nella circolare n. 61 del 16 marzo. La precisazione si è resa necessaria per colmare un vuoto normativo. Tanto la legge di bilancio 2017 quanto i successivi documenti dell’Inps dicevano semplicemente che le future madri avrebbero potuto richiedere il nuovo bonus mamma domani una volta concluso il settimo mese di gravidanza oppure al momento dell’adozione del figlio.

Nessuno, a quanto pare, aveva pensato ai cosiddetti “settimini”, cioè i bambini venuti al mondo prima del “compimento del settimo mese di gestazione” prescritto dalla legge. Questa opportuna integrazione pone pertanto rimedio alla improvvida dimenticanza, garantendo anche alle madri di figli prematuri il beneficio numerario alla nascita di 800 euro.

Requisiti generali

Il premio alla natalità è riconosciuto alle donne gestanti o alle madri che siano  in possesso dei seguenti requisiti attualmente presi in considerazione per l’assegno di natalità di cui alla legge di stabilità n. 190/2014 (art. 1, comma 125): residenza in Italia; cittadinanza italiana o comunitaria; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane per effetto dell’ art. 27 del Decreto Legislativo n. 251/2007; per le cittadine non comunitarie,  possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’articolo 9 del Decreto Legislativo n. 286/1998 oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE previste dagli artt. 10 e 17 del Decreto Legislativo n. 30/2007, come da indicazioni ministeriali relative all’estensione della disciplina prevista in materia di assegno di natalità alla misura in argomento (cfr. circolare INPS 214 del 2016).

Maturazione del premio alla nascita o all’adozione

Il beneficio di 800 euro può essere concesso esclusivamente per uno dei seguenti eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017: compimento del 7° mese di gravidanza; parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza; adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983; affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi   dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.

L’agevolazione è concessa in un’unica soluzione, per evento (gravidanza o parto, adozione o affidamento), e in relazione ad ogni figlio nato o adottato/affidato.

L’inps applica la legge

PENSIONI, NESSUN CONGUAGLIO IMPAZZITO

Con riferimento alla segnalazione della Spi Cgil riguardo a “conguagli ‘impazziti’ e non meglio specificati sulle pensioni si fa presente che in merito ai conguagli fiscali l’Istituto non ha rilevato alcun malfunzionamento della piattaforma. L’Inps ha recentemente specificato le modalità di applicazione dei conguagli fiscali di fine anno 2016 da parte dell’Istituto nella qualità di sostituto d’imposta. Queste modalità, disciplinate per legge, prevedono che, nelle ipotesi di incapienza, possano derivare posizioni con pensioni azzerate. La legge infatti prevede una rateizzazione solo per titolari di pensione non superiore a 18.000 € lordi annui, per i quali viene effettuata d’ufficio una dilazione senza interessi per 11 rate di uguale importo.

Inps

CUMULO ASSICURATIVO

Con la circolare n. 60 del 16 marzo 2017 vengono fornite le prime istruzioni applicative sul cumulo dei periodi assicurativi non coincidenti da parte degli iscritti a due o più forme di assicurazione gestite dall’Inps (lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata e forme sostitutive ed esclusive), al fine del conseguimento di un’unica pensione, secondo quanto disposto dalla legge 232/2016, con la quale si è provveduto a modificare quanto già previsto in materia dalla legge 228/2012. Con una successiva circolare, a seguito delle istruzioni che saranno emanate dalle casse professionali coerentemente con gli indirizzi ministeriali, saranno fornite le istruzioni applicative per i casi di cumulo di periodi assicurativi non coincidenti anche presso le Casse professionali. Si riportano di seguito alcuni punti della circolare, rimandando alla stessa per ogni ulteriore approfondimento.

In base a quanto previsto dalla legge 232/2016, dal 1° gennaio 2017 la facoltà di cumulo può essere esercitata per conseguire la pensione di vecchiaia anche da coloro che sono già in possesso dei requisiti per il diritto autonomo al trattamento pensionistico in una delle gestioni interessate oppure per conseguire la pensione anticipata con i requisiti previsti dalle norme in vigore, compreso l’adeguamento agli incrementi della speranza di vita. La facoltà di cumulo può essere esercitata dai superstiti di un lavoratore per conseguire la pensione indiretta, anche nel caso in cui quest’ultimo abbia già maturato i requisiti per il diritto autonomo alla pensione in una delle gestioni di cui sopra. Anche la contribuzione estera sarà oggetto di valutazione, nei limiti delle norme previste dai regolamenti comunitari e dalle convenzioni bilaterali: il cumulo è possibile soltanto se risulta perfezionato in Italia il minimale di contribuzione richiesto per la totalizzazione internazionale. In caso di domande di pensione in totalizzazione presentate anteriormente al 1° gennaio 2017 ed il cui procedimento amministrativo non sia ancora concluso, è possibile rinunciare a tale domanda e accedere al trattamento pensionistico in cumulo. Tale rinuncia può essere effettuata anche dai superstiti di assicurato. Allo stesso modo, la rinuncia può essere utilizzata anche da coloro i quali, pur avendo in corso un provvedimento di ricongiunzione onerosa, non hanno ancora perfezionato il pagamento integrale dell’importo dovuto, sempre che abbiano già perfezionato un diritto a pensione in cumulo. I n tal caso, previa rinuncia alla domanda di ricongiunzione effettuata entro il 1° gennaio 2018, è prevista la restituzione delle quote versate in quattro rate annuali.

Pensioni

RICALCOLI PER I DIRITTI INESPRESSI

Diritti inespressi. Così li chiama l‘Inps. Cosa sono? Diritti e agevolazioni sugli assegni previdenziali che non scattano in automatico: bisogna richiederli. E chi non lo fa di fatto rinuncia ad una buona fetta dell’assegno pensionistico. A poterne godere sarebbero migliaia di pensionati che finora, ignari di questa procedura, non hanno fatto alcuna domanda all’Istituto di previdenza sociale. Come sottolinea LaVerità, in diversi casi basta fare una semplice domanda con un apposito modulo per ottenere un aumento dell’assegno di circa 300 euro.

E secondo alcune stime su 18 milioni di pensionati, ben 6 milioni avrebbero diritto ad un ricalcolo. Inoltre si estende fino a 5 anni il periodo della retroattività sugli arretrati. I “diritti inespressi” riguardano le pensioni che viaggiano sotto i 750 euro. E così una pensione su tre andrebbe ricalcolata. Per ottenere il ricalcolo bisogna andare sul sito Inps, www.inps.it e avviare la procedura collegandosi alla scheda personale “cedolino pensione e servizi collegati”.

Ritardi tecnici

NUOVO BONUS MAMME, CODE ALL’INPS

Bonus annunciato, ma non ancora attivato. A trovarsi in tale situazione è il rimborso da 800 euro per le mamme. Un provvedimento deliberato dal governo e finora fermo per la mancata messa a punto del programma di gestione della nuova misura. Già perché negli uffici Inps prosegue la coda di chi richiede il bonus e la risposta è sempre la stessa: “Non è ancora disponibile la procedura online per l’inoltro telematico della relativa domanda”. Come racconta Repubblica, la corsa al bonus è cominciata da tempo, ma le disposizioni varate dall’esecutivo per le famiglie stentano a mettersi in moto. A fine febbraio sul sito Inps una circolare definiva i primi parametri per far richiesta. “Cittadine italiane, comunitarie o extracomunitarie con permesso di soggiorno, residenti nel nostro Paese”, questi i requisiti. Nessun accenno alle fasce di reddito. E nessuna indicazione operativa sulle modalità da osservare per la presentazione delle richieste. Poi è arrivata una seconda circolare che ha posto nuovi paletti, omettendo di fornire l’iter da seguire per la trasmissione delle istanze. E adesso, come riporta Repubblica, arriva la risposta dell’Inps che parla di tempi tecnici per l’avvio delle procedure. Il lancio, per l’Istituto di previdenza sociale resta “imminente”, ma nessuno si sbilancia su una possibile data. I fondi stanziati nella legge di Bilancio per la misura sono abbastanza consistenti: 600 milioni di euro per il 2017, che dovrebbero garantire il bonus di 800 euro a 750 mila famiglie, senza che per loro sia richiesto un reddito sotto una certa soglia. Un dettaglio che di fatto darà un gran da fare agli operatori del servizio informazioni dell’Inps.

Carlo Pareto

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento