venerdì, 26 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Quanto spendono i comuni per le scuole dell’infanzia
Pubblicato il 01-03-2017


ASILO NIDOSono oltre 23mila su tutto il territorio nazionale, per un totale di 1,6 milioni di iscritti secondo l’Istat. Vediamo come sono ripartite tra i vari enti che le gestiscono e quanto spendono le maggiori città italiane per offrire questo servizio. In testa Milano con oltre 100 euro pro capite.
Gli anni della scuola per l’infanzia non rientrano tra quelli della scuola dell’obbligo, in base alla legge statale. Anche per questa ragione possono gestirle vari soggetti, privati e pubblici. Oltre allo stato, ci sono anche gli enti locali e gli enti privati, come le istituzioni religiose.

Lo Stato gestisce oltre la metà delle scuole dell’infanzia (precisamente il 57,1%, secondo i dati Istat aggiornati al 2014). Seguono gli enti privati, con il 34,6% degli istituti. Residuali le scuole materne pubbliche ma non statali: 8,3%. Tra queste rientrano le comunali.chart

In tutti si tratta di 23.515 in tutta Italia, e ciascuno ospita un numero variabile di bambini. In media ci sono circa 70 bambini ognuno, ma con grandi differenze a seconda del tipo di istituto e della zona geografica. Molto meno variabile il dato sulle scuole materne statali: 78 bambini per istituto nel centro-nord e 73 nel mezzogiorno.
chart
Le scuole private sembrano avere una capienza minore, o comunque ospitano meno bambini: 59 come media italiana, con una media di 75 nel nord e una di 40 nel mezzogiorno e nelle isole.

Più articolato il dato per le scuole dell’infanzia comunali e pubbliche non statali. Nel centro Italia ospitano in media 94 bambini, nel nord 83 mentre nel sud solo 49 ciascuna. Da questi dati emerge una generale minore capienza delle scuole meridionali.

Attraverso openbilanci è possibile vedere quanto spendono le amministrazioni comunali italiane per le scuole primarie. La voce specifica contiene tutte le uscite sostenute per mantenere le strutture e le attività connesse.

Tra le città italiane superiori ai 200mila abitanti, quella con la maggiore spesa pro capite è il capoluogo della Lombardia. Milano è l’unica grande città che destina oltre 100 euro pro capite per le scuole materne . Seguono, praticamente a pari merito, Torino, Roma e Bologna. Tutte e tre le città spendono circa 82 euro a cittadino. A Trieste, poco staccata, questa voce del bilancio vale 76,22 euro per abitante.

Costano tra i 40 e i 50 euro per ogni abitante le scuole materne in diverse città: Venezia, Firenze, Verona, Genova e Padova (quest’ultima 39,43 euro). Segue Bari, con 23,4 euro per residente. Sotto i 10 euro per ogni abitante troviamo Catania, Napoli e Palermo.

OpenPolis

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento