lunedì, 26 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Rometti: tutelare e salvaguardare anche beni culturali minori
Pubblicato il 16-03-2017


Nel corso della seduta dell’Assemblea legislativa dell’Umbria dedicata alle interrogazioni a risposta immediata (question time), il consigliere Silvano Rometti (Socialisti e riformisti) ha illustrato l’atto ispettivo con cui chiede all’Esecutivo regionale di “estendere la tutela e la salvaguardia dei beni culturali e delle chiese minori nei comuni danneggiati dagli eventi sismici e lavorare per la permanenza dei beni stessi all’interno del proprio territorio”.

Rometti ha spiegato di “apprezzare l’azione, fin qui svolta, di tutela e salvaguardia del patrimonio storico, artistico e architettonico contenuto all’interno delle chiese più importanti, come a Norcia la Basilica di San Benedetto, la Cattedrale o San Salvatore a Campi”. Ed ha infine chiesto alla Giunta di “estendere tale opera di tutela e salvaguardia anche alle chiese minori, con opere provvisionali come coperture, o altro, di beni quali affreschi, altari e arredi sacri, al fine di limitare il degrado ulteriore dovuto all’attività degli agenti atmosferici e alle nuove scosse di terremoto”. Inoltre si suggerisce anche di “cercare di utilizzare per il ricovero dei beni stessi, strutture esistenti sul territorio quali il Deposito della Soprintendenza archeologica, Belle arti e Paesaggio a Norcia”.

Assessore Fernanda Cecchini: “La competenza per queste tematiche è del Ministero dei Beni culturali che esercita la funzione attraverso la Soprintendenza con l’ausilio dei Vigili del Fuoco e del nucleo tutela patrimonio artistico dei Carabinieri. Un gruppo operativo che ha fatto un lavoro egregio in questi mesi mettendo in sicurezza la gran parte del patrimonio artistico oggi allocato nel magazzino di Santo Chiodo di Spoleto.
Il magazzino di Norcia della Soprintendenza è stato reso inagibile dal sisma pertanto tutti gli oggetti di valore di chiese e musei sono stati trasferiti a Spoleto dove si procederà anche al restauro. Poi c’è tutto un patrimonio di piccoli monumenti e chiese che non hanno valore minore perché alla parte artistica e culturale corrisponde quella importantissima che lega i cittadini ai connotati più veri di una comunità. Spesso le piccole chiese rappresentano il simbolo e l’identità di un territorio, anche a prescindere dal valore culturale. Per mettere in sicurezza tutto ciò si è agito attraverso l’utilizzo del decreto legge ‘229’ (fondi per pronto intervento).
In questi giorni gli uffici regionali, insieme alla Soprintendenza stanno predisponendo un emendamento al decreto legge in questione per poter utilizzare le risorse per progetti di pronto intervento a finire. Questo significherebbe mettere in sicurezza molte piccole e medie chiese presenti nel territorio. È ovvio che il lavoro non si esaurisce qui, ci sono beni culturali ancora sotto le macerie. La Regione, il Ministero e quindi la Soprintendenza stanno organizzando una mostra dal titolo ‘Tesori della Valnerina’ che aprirà al pubblico il prossimo 9 aprile ”.

Rometti, nella replica, ha definito “positiva” la risposta dell’assessore, sottolineando che “i risultati conseguiti sono frutto di un lavoro che sta andando avanti bene. L’auspicio è che si continui a lavorare intensamente in questa direzione”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento