giovedì, 20 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Pancrazio Magnani:
Sull’On. Stefano Servadei
Pubblicato il 01-03-2017


Caro Direttore,
ho conosciuto e molto stimato l’On. Stefano Servadei di Forlì, politico d’altri tempi, luogotenente di Nenni e autonomista della prima ora all’interno del PSI. Fu eletto Deputato nel 1963, e ricoprì brillantemente la carica, portando concreti benefici anche al livello locale, alla Romagna e la sua popolazione, grazie alla sua azione politica. Ciò avvenne sino al 1983, quando Craxi lo eliminò all’ultimo momento, così Servadei mi disse, dalle liste per le politiche di quell’anno. L’oggetto dello scontro pare siano state le battaglie di Servadei contro l’infiltrazione della malavita organizzata a Rimini, la P2, ed il modo autoritario con cui Craxi conduceva il Partito. Poiché so che vi siete conosciuti bene, cosa ricordi di questa vicenda? Distinti saluti.

Pancrazio Magnani

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ho conosciuto e stimato Servadei come socialista e autonomista, uomo legatissimo alla sua Romagna. Sul 1983 non conosco i dettagli. So che Servadei appoggiò la candidatura di Franco Piro che venne eletto per la prima volta superando, grazie ai voti di Servadei, Paolo Babbini. Aggiungo che vent’anni al Parlamento potevano essere sufficienti…

Lascia un commento