giovedì, 27 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Top & Flop. Icardi-Banega: l’Argent-Inter distrugge l’Atalanta
Pubblicato il 14-03-2017


Sono i due sudamericani dell’Inter i grandi protagonisti del weekend calcistico. Entrambi siglano una tripletta nel devastante 7-1 della squadra di Pioli a quella dell’ex Gasperini: vittoria e sorpasso ai danni degli orobici. Vincono le prime quattro: la Juventus 2-1 contro il Milan in un mare di polemiche per un rigore (che c’era) fischiato a tempo scaduto che ha mandato su tutte le furie i rossoneri, la Roma 3-0 a Palermo nella ‘prima’ del neo presidente dei siciliani Paul Baccaglini, stesso punteggio per il Napoli in casa contro il Crotone e la Lazio 3-1 al Torino nel posticipo del lunedì sera, che resta così in scia al quarto posto. Derby di Genova alla Sampdoria che, dopo 57 anni, si aggiudica sia la stracittadina d’andata che quella di ritorno. Dietro, le ultime 4 perdono tutte ma non è una novità. Vediamo i top & flop di questa giornata.

icardi32TOP – 3. MAURO ICARDI. La sua tripletta in meno di 10’ spiana la strada per il roboante successo 7-1 dell’Inter sull’Atalanta. Un tris in cui l’attaccante argentino mette in mostra tutto il repertorio: senso del gol nella prima rete, coraggio con il rigore tirato alla ‘Totti’ versione cucchiaio e potente colpo di testa su azione di calcio d’angolo. Non si capisce perché il ct dell’Argentina, Bauza, continui ad ignorarlo.

  1. LUIS MURIEL – Con un gran gol decide il derby di Genova in favore della Sampdoria. Come detto, non accadeva dal 1960 che i blucerchiati vincessero contro il Grifone sia nella partita d’andata che in quella di ritorno. L’attaccante colombiano sembra ormai definitivamente maturato e pronto per una grande squadra. La clausola rescissoria, fissata a 28 milioni, potrebbe far gola a molte big italiane e straniere
    1. EVER BANEGA – Torniamo all’Inter perché, oltre a Icardi, anche Banega riesce a siglare una tripletta. Un grazie particolare a Candreva, autore di due assist per l’argentino, prima di una punizione precisa che sigilla il pomeriggio da favola per l’ex centrocampista del Siviglia. E pensare che a gennaio si vociferava di un possibile addio destinazione Cina. Oggi Banega è diventato un punto fermo della squadra di Pioli.

FLOP – 3. EUSEBIO DI FRANCESCO – Selezioniamo l’allenatore, ma è una tiratina d’orecchie a tutto il Sassuolo, che perde la quarta partita consecutiva in casa. Una gara diversa dalle altre: il derby emiliano contro il Bologna. In una stagione decisamente condizionata dalla sfortuna e dagli infortuni (Berardi in primis) i tifosi neroverdi si aspettano quantomeno un finale di campionato più divertente, soprattutto al Mapei Stadium.

  1. GIOVANNI MARTUSCIELLO – Anche qui scegliamo il tecnico per fare una critica a tutto l’Empoli. Contro il Chievo arriva la quinta sconfitta consecutiva (4-0 per i veneti) e l’ennesima partita senza gol per i toscani, peggior attacco del campionato con appena 15 gol all’attivo. Se salvezza sarà, bisognerà ringraziare Pescara, Crotone e Palermo che hanno dimostrato di essere ad un livello ancora più basso di quello degli azzurri, lontani parenti dalla squadra brillante di Sarri e Giampaolo.
    1. RAFAEL TOLOI – Dopo una sconfitta per 7-1 dovevamo inevitabilmente prendere un giocatore dell’Atalanta. Nell’opaca, per usare un eufemismo, prestazione di San Siro il peggiore è il difensore brasiliano ex Roma, prima graziato dall’arbitro che non lo espelle per un fallo con chiara occasione da gol su Icardi, poi responsabile diretto della disfatta degli orobici. Ci piace però concludere facendo i complimenti ai tifosi dell’Atalanta che, nonostante il pesante ko, hanno aspettato il ritorno a Bergamo della squadra, sostenendola con cori e applausi. La giusta carica per il rush finale della stagione che può regalare ai ragazzi di Gasperini l’insperata qualificazione in Europa.

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento