domenica, 25 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Alitalia: raggiunto un pre-accordo. Referendum cruciale
Pubblicato il 14-04-2017


ALITALIAE’ stato raggiunto nella notte, in extremis, un pre-accordo tra Alitalia e sindacati per salvare la compagnia aerea. Il verbale di confronto siglato dalle parti diventerà un vero e proprio accordo solo dopo il via libera dei lavoratori. Cruciale dunque diventa l’esito del referendum che si terrà dopo Pasqua (da martedì o mercoledì e terminerà domenica), mentre il prossimo incontro con governo, azienda e sindacati è fissato per il 26 aprile. E’ bene ricordare infatti che non sempre le consultazioni sottoposte ai lavoratori hanno dato esiti positivi, basta pensare al caso del sito di Almaviva di Roma.

Da più parti ci si appella al senso di responsabilità. “Non è stato facile arrivare a un punto di incontro che mi auguro che sia confermato dai lavoratori”, sottolinea il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. “L’impegno del governo in questi mesi è stato incessante – aggiunge – e non ha risparmiato gli sforzi per ottenere un piano industriale che mi auguro sia condiviso al referendum”. Anche il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, giudica il pre-accordo positivamente ma sottolinea: “Se questa manovra fallisse, l’amministrazione straordinaria butterebbe sullo Stato italiano tutti costi della gestione Alitalia e/o della liquidazione, e sarebbero costi altissimi: solo l’amministrazione straordinaria costerebbe oltre un miliardo di euro. L’obiettivo prioritario del governo – conclude – è mettere meno soldi possibili”.

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, sottolinea la necessità di trovare nuovi soci e risorse: su Alitalia “c’è preoccupazione perché l’azienda è oggettivamente in uno stato di grandissima difficoltà. Siamo consapevoli che ci sarà bisogno di altre persone che hanno fiducia nel futuro di Alitalia e che mettano altre risorse, ma intanto bisognava salvare Alitalia, grazie a uno sforzo un po’ di tutti e a un’ulteriore sensibilità strappata all’azienda. Comunque siamo soddisfatti del lavoro fatto”.

Intanto stamattina si è tenuto un Cda della compagnia proprio per “raccontare cosa è successo ieri”, come spiega il presidente ‘in pectore’, Luigi Gubitosi. “Il consiglio di amministrazione è soddisfatto, così si sblocca la situazione”, afferma il manager, “evidentemente abbiamo fatto un grosso passo avanti. Non abbiamo ottenuto tutto ciò che volevamo ma, comunque, ci fa piacere soprattutto perché sono stati rispettati i tempi previsti. Come dicono anche i sindacati riteniamo che sia stato fatto tutto il possibile”. L’amministratore delegato dell’Alitalia, Cramer Ball ha commentato: “Sono soddisfatto per il rispetto della deadline”.

Entrando nel dettaglio del pre-accordo gli esuberi previsti per il personale a tempo indeterminato scendono da 1.338 a 980, attraverso il superamento “dei progetti di esternalizzazione delle aree manutentive e di altre esternalizzazioni”, il ricorso alla Cigs entro il maggio 2017 per due anni, l’attivazione di programma di politiche attive del lavoro (riqualificazione e formazione del personale) e misure di incentivazione all’esodo, oltre ai miglioramenti di produttività ed efficienza” che saranno definiti in ambito aziendale entro maggio. La riduzione della retribuzione del personale navigante, originariamente da un minimo del 24% a un massimo del 30%, nel verbale è prevista all’8%. I tagli chiesti al personale navigante scendono da 369 milioni nell’arco di 5 anni a 258. E sempre per il personale navigante, il verbale prevede “scatti di anzianità triennali con il primo scatto nel 2020, un tetto di incremento retributivo in caso di promozione pari al 25%, l’applicazione ai neoassunti dei livelli retributivi “cityliner (il vettore del breve raggio) indipendentemente dall’aeromobile d’impiego”. In relazione alla produttivita’ del personale navigante è prevista la riduzione di un assistente di volo negli equipaggi a lungo raggio e una riduzione dei riposi dai 120 annuali a 108 con minimo di 7 al mese. Inoltre si annunciano esodi incentivati per piloti e assistenti di volo. Per il personale navigante ci sarà poi il superamento e riproporzionamento delle fasce di indennità di volo oraria per il personale part-time. I sindacati ora guardano all’esito del referendum.

Quella per Alitalia è stata “una trattativa molto complessa”, sottolinea la leader della Cisl, Annamaria Furlan. “L’intesa raggiunta chiama gli azionisti a investire nuovamente e a dare un contributo forte al costo del lavoro”, aggiunge, “ora con la consultazione referendaria la parola passa ai lavoratori: credo nel loro senso di responsabilità e di partecipazione”. Il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, sottolinea: “La preoccupazione che abbiamo e che vogliamo trasmettere ai lavoratori è che bisogna provare a salvare un’azienda che cosi è sull’orlo della chiusura. Questo è lo sforzo che abbiamo fatto, sapendo bene che ancora una volta si chiedono sacrifici ai lavoratori e questi sacrifici devono essere ricompensati da scelte vere sul piano industriale e di rilancio perché il mantenimento dello status quo non serve”. “Mi auguro che il buon senso prevalga fra tutti”, afferma il segretario confederale della Uil, Carmelo Barbagallo, “speriamo che i lavoratori si rendano conto dello sforzo che è stato fatto e delle risorse che sono state investite e che i loro sacrifici non devono essere ancora una volta vanificati”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento