lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bobo Craxi e la foto senza senso
Pubblicato il 23-04-2017


foto craxi“Vedo le foto di Bobo Craxi e di Emiliano, assieme, in bella luce, e ho un sussulto. Che c’entra la storia del socialismo italiano col Presidente della Puglia? Non era lui che voleva l’alleanza coi grillini? Non era lui il prototipo del Masaniello che i socialisti hanno sempre combattuto? Non era lui quello che usava un linguaggio decisamente fuori dalle righe, il contrario dell’approccio riformista che è la nostra religione? E ancora: ma le primarie non sono del PD?”

FullSizeRender

Il tweet di Michele Emiliano

Lo scrive il segretario del Psi Riccardo Nencini commentando la decisione di Bobo Craxi di sostenere Michele Emiliano alle primarie del Pd. Craxi ha infatti preso parte a un incontro a sostegno della candidatura del presidente della Regione Puglia. Un sostengo che il presidente della Regione Puglia ha confermato in tweet in cui afferma di aver incontrato “il gruppo dei socialisti che sosterranno la nostra mozione il 30 aprile.

“Domande – continua Riccardo Nencini – che non avranno una risposta. E dire che quei compagni – nella foto vedo anche Labellarte – ci hanno portato in tribunale, hanno disertato due congressi e mezzo, poiché anche a Venezia 2013 c’erano e non c’erano, Bobo Craxi ha partecipato al Consiglio Nazionale che convocava il congresso di Roma dopo una lunga chiacchierata con Del Bue e con chi scrive, ha preso posizione – partecipo, ha dichiarato – e poi è scomparso, quei compagni ci hanno messo ogni giorno sotto accusa, hanno deriso il nostro lavoro, ci hanno offeso, hanno dato una rappresentazione del partito come se il ’92 non fosse mai esistito, parlavano di socialismo e invece, sotto sotto, trattavano col Presidente della Puglia e prima ancora con Baffino. La morale: restare nel partito per rompere le scatole, rovinare la comunità, mai collaborare. Bene. Il gioco ora è scoperto. Vanno nel PD ascari di Emiliano. Noi restiamo qua, in piedi e in buona compagnia. E – conclude Riccardo Nencini – saremo proprio a Bari, in giugno, a celebrare il 125 del partito socialista”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. INCONTRI PUGLIESI. Nencini prende cappello e scrive post rabbiosi ogni volta che Bobo Craxi, o il sottoscritto, o qualcuno dei tanti socialisti che ha provveduto ad espellere, emarginare o allontanare più o meno gentilmente dal PSI che guida con incerti esiti da una decina d’anni, incontra qualche personaggio politico. Oggi succede per un incontro che abbiamo avuto a Bari, insieme a Onofrio Introna, Pino Lonigro e un centinaio di socialisti pugliesi, col Governatore Emiliano. Ci definisce anche “gruppo sparuto”, dall’alto dei suoi grandi numeri. Per carità, ce la ridiamo di questi attacchi, perchè, a differenza di lui, siamo allegri, sereni e in genere di ottimo umore. Fossimo più giovani aderiremmo volentieri al simpatico gruppo FB dei Socialisti Gaudenti. Del resto questi attacchi hanno sempre lo stesso copione. Che incontriamo D’Alema, Bersani, Speranza, Civati, Scotto, Emiliano, Fratoianni o chiunque, Nencini ci accusa sempre di aver aderito alla loro posizione. E’ come se noi, quando incontra Alfano o Cicchitto, lo accusassimo di aver portato il PSI nel nuovo centrodestra, nei Popolari, o come si chiamano adesso. Non ci sognamo minimamente di farlo, anche perchè sappiamo bene dove andrà a finire Nencini alle elezioni politiche. E allora ci faccia almeno incontrare chi ci pare senza montare inutili casi. A maggior ragione visto che siamo sparuti. Ma non spariti come piacerebbe a lui.

  2. Non riesco a provare nemmeno pena… uno che se ne va dal Psi perché succube del Pd, poi finisce a fare il galoppino ad un ” perdente di successo “del del PD!!!! Al peggio non c’è fine!

Lascia un commento