giovedì, 17 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Francia: Macron e Le Pen in calo. Timore astensione
Pubblicato il 19-04-2017


Marine-Le-Pen-MacronEmmanuel Macron e Marine Le Pen, i due favoriti nel primo turno delle elezioni presidenziali in Francia, sembrano perdere terreno a vantaggio di Francois Fillon e Jean-Luc Melenchon, secondo un sondaggio pubblicato da Le Monde in vista del voto di domenica. Macron, candidato centrista e pro-europeo di En Marche, è in testa nelle intenzioni di voto con il 23%, due punti in meno rispetto alla precedente inchiesta realizzata due settimane fa. Le Pen, candidata e leader del partito di estrema destra Front National, arretra del 2,5% fermandosi al 22,5% delle intenzioni di voto. Fillon, il candidato del partito di centrodestra dei Republicains coinvolto nello scandalo “Penelopegate” (l’assunzione della moglie e delle figlie come assistenti parlamentari), recupera due punti e si attesta al 19,5%.

Il sondaggio di Le Monde conferma la progressione del candidato di estrema sinistra Melenchon che guadagna 4 punti in due settimane e si piazza al 19% appena dietro a Fillon. L’inchiesta è stata realizzata dall’istituto Ipsos-Sopra Steria il 16 e 17 aprile su un campione importante di 11.601 persone iscritte sulle liste elettorali. Oltre a mostrare un livello di incertezza mai registrato prima d’ora in un’elezione presidenziale a causa dello scarto minimo tra i quattro principali candidati, il sondaggio rivela che un quarto degli elettori esitano ancora e faranno la loro scelta solo negli ultimi giorni prima del voto.

Melenchon e Fillon, visto il margine di errore del 1% del sondaggio di Le Monde, sono sufficientemente vicini a Macron e Le Pen per sperare in un sorpasso domenica per arrivare al ballottaggio del 7 maggio. Secondo il quotidiano francese, la progressione “più spettacolare” è quella di Melenchon che in un mese ha recuperato 7,5 punti. Fillon, invece, beneficia di un zoccolo duro particolarmente solido, con l’81% dei suoi elettori sicuri della loro scelta. Il candidato di centrodestra sta anche recuperando gli elettori che nel 2012 avevano votato per Nicolas Sarkozy. Quanto agli altri candidati, il sondaggio conferma il crollo del socialista Benoit Hamon che, con appena l’8% delle intenzioni di voto non ha speranze di accedere al secondo turno. Un altro candidato sovranista, Nicolas Dupont-Aignan, otterrebbe il 4%, mentre Philippe Poutou del Nuovo Partito anti-capitalista si fermerebbe al 1,5%. Quanto al ballottaggio, il sondaggio di Le Monde indica che Le Pen uscirebbe sconfitta in caso di scontro diretto con uno degli altri tre favoriti: la candidata di estrema destra sarebbe superata da Macron (61% a 39%), da Melenchon (57% a 43%) e da Fillon (55% a 45%).

In questo quadro sarebbe anche molto forte il rischio di astensione. Infatti secondo fonti francesi vicine al ministero dell’Interno, nel governo si teme una maxi-astensione al primo turno delle presidenziali di domenica prossima. “Con un’astensione addirittura vicina al 50% – dicono le fonti – si rischia che al secondo turno vada chiunque dei quattro di testa. E non si può escludere un ballottaggio Le Pen-Melenchon”, i due candidati con la più alta percentuale di votanti “certi” della propria scelta.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento