lunedì, 26 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La politica democratica
secondo Macron
Pubblicato il 03-04-2017


Siamo nella primavera del 2012. Hollande, sta per vincere le elezioni presidenziali, facendo il pieno dei voti di sinistra e circondato da grandi aspettative. Quella del giovanissimo Macron vola molto in alto. Ed è quella che si ponga mano, una volta per tutte, ad una sorta di rifondazione delle basi stesse della politica democratica.
Finora, questa è stata del tutto incapace di guardare al futuro e di pensare, in modo nuovo e originale, alle grandi questioni del nostro tempo. Perché tutto la spinge verso il quotidiano, il particolare, l’interesse di breve periodo, l’annuncio, l’accumularsi di decisioni, spesso improvvide, in una risposta, quasi pavloviana, di fronte a contingenti stimoli esterni. Intorno ad essa il mondo cambia velocemente, senza controllo e con esiti imprevedibili e potenzialmente distruttivi. E la stessa democrazia rischia, se non trovasse le risposte adeguate, di essere la prima vittima del processo di cambiamento.

Macron esamina questa realtà senza infingimenti. E le vie d’uscita che propone sono tutt’altro che banali.Specie se le paragoniamo a quelle che segnano, proprio nello stesso periodo, l’entrata in campo di Renzi.
Per dirla in sintesi, se quest’ultimo è, in tutto e per tutto, per la “democrazia decidente” Macron sembra collocarsi sul versante esattamente opposto. Quello della “democrazia coinvolgente”. Un modello che, curiosamente, assomiglia molto più ad una “democrazia parlamentare realizzata” che ad una “democrazia presidenziale”, anch’essa sviluppata sino alle sue estreme conseguenze.

E allora niente “un leader, un popolo un programma”. Uno schema che favorisce l’annuncio, l’affastellarsi di decisioni contraddittorie dettate dalle esigenze del momento, le divisioni ed, ebbene sì, un pragmatismo senza principi. Semmai “un dibattito permanentemente acceso”; che è poi “la doppia virtù del parlamentarismo e della democrazia sociale” (quella dei corpi intermedi N.dA) e, soprattutto, il “ritorno dell’ideologia”; perché “ogni discorso  politico non può essere un discorso tecnico che detta misure. Ma (deve rappresentare) “un’idea della società e della sua trasformazione”. In conclusione “responsabilità, deliberazione e ideologia”devono essere alla base di una “reivenzione” della politica democratica.

Questa è, almeno la speranza che Macron nutre nella primavera del 2012. E che, come dire, rassomiglia molto di più ai principi enunciati dai costituzionalisti difensori del “no” nel referendum che a quelle dei sostenitori del disegno renziano.
Nel concreto il Nostro non ha, invece, nulla a che fare con quel sistema che allora propone di consrvare, aggiornandolo. E in tutti i sensi.
Non è un politico e, tanto meno, un’espressione del mondo dei partiti. Piuttosto un rappresentante fatto e finito della tecnostruttura privata e pubblica, giunto a soccorrere, nella qualità di ministro dell’economia la presidenza Hollande, a garanzia della svolta liberista della seconda metà del suo mandato. E fonderà, successivamente, il suo progetto di scalata alla presidenza sulla contestazione esplicita di un “sistema dei partiti” con il quale dichiara costantemente di non avere nulla a che fare (così  le valanghe di adesioni che gli verranno da parte dell’establishment socialista saranno sempre considerate come adesioni a titolo individuale).
Allo stesso modo, è sì cultore dell’ideologia; ma su basi che rifiutano esplicitamente la secolare divisione tra destra e sinistra. Nella sua ottica, centrale, invece, la distinzione tra due visioni dello stato e della società francese. Da una parte una nazione “sistema”, che si definisce per la sua capacità di reggere la concorrenza internazionale nell’era della globalizzazione. Dall’altra la nazione “comunità”, regolata dai principi di solidarietà e di lotta alle disuguaglianze. Inutile, forse, sottolineare che, per l’attuale candidato alla presidenza della repubblica la variabile indipendente è la prima, magari integrata da qualche elemento della seconda.
Ci troviamo così di fronte a un’apparente contraddizione: il contestatore del renzismo diciamo così teorico nel 2012 che porta, all’atto pratico, ai suoi limiti estremi il disegno politico praticato, nel concreto dallo stesso Renzi. Quest’ultimo, infatti, pur seguace della dottrina della rottamazione, si è, almeno sinora, guardato dall’estenderla al discrimine destra sinistra e alla attuale validità del sistema politico-partitico,  passo invece compiuto dal suo collega d’oltralpe.

Ci si potrebbe obbiettare che, in ogni caso, il sistema esistente in Francia (come altrove…) aveva comunque bisogno di uno choc, di una sfida esterna per cambiare; e che Macron, la sua candidatura, il suo progetto di liberismo compassionevole, il suo riferimento diretto alla società civile rappresentava, appunto, questa sfida. Tanto se fossero accompagnate, come è molto probabile, dalla sua elezione.
Personalmente nutriamo qualche dubbio in proposito. Primo perché il Grande Disegno ammesso che ci sia, è stato favorito in modo decisivo da due eventi traumatici quanto imprevisti, tali da mettere (temporaneamente?) fuori gioco i protagonisti di sempre del confronto bipolare: la sinistra, segnata dalla spaccatura verticale tra un gruppo dirigente sedotto da Macron e un popolo tornato a fare quadrato a difesa dei principi e dei valori tradizionali; il centro-destra classico distrutto dalle inchieste giudiziarie.
E, per altro verso perché la politica democratica ha bisogno di riflessioni comuni e di consenso; mentre il futuro presidente rappresenterà una cultura politica (quella del liberismo internazionalista) e un blocco sociale fortemente minoritario; e in radicale contrasto con il sentire comune dei francesi.

E forse, allora, il rinnovamento della politica, la sua capacità di aggregare e di guardare lontano non hanno bisogno, per maturare né di salvatori della patria né di choc esterni. Forse…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. In verità troppi socialisti, non solo in Francia, si sono smarriti e navigano “di bolina” dentro ad una società sempre più dominata dai magnati, dentro un sistema legato all’ “establishment”,come va di moda dire oggi.

Lascia un commento