mercoledì, 26 aprile 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lavoratori ‘tartassati’. L’Italia quinta nel mondo
Pubblicato il 11-04-2017


Il modello 730 per la denuncia dei redditi, 19 giugno 2014. ANSA/FRANCO SILVI

L’Italia continua a scalare le classifiche di brutte graduatorie. Secondo i dati pubblicati dall’Ocse, l’Italia è al quinto posto nella classifica relativa al peso delle tasse sui salari. Il cosiddetto cuneo fiscale – cioè la differenza tra costo del lavoro e stipendio netto pagato al dipendente – per un single senza figli è complessivamente al 47,8% contro una media europea al 36 per cento. È una media superiore di oltre dieci punti rispetto agli altri. I (pochi) casi di incidenza ancora maggiore sono il Belgio (54%), la Germania (49,4%), l’Ungheria e la Francia (48,1%). L’Italia è invece al terzo posto per il cuneo fiscale nel caso di una famiglia monoreddito con due figli (38,6%). Lo rileva l’Ocse nel rapporto ‘Taxing Wages’ per il 2017.
Dal rapporto emerge che in Italia il salario medio lordo è di poco meno di 40 mila euro, al di sotto di quello medio Ocse che supera i 40 mila euro. Inoltre i salari lordi italiani sono tassati del 31,1% contro il 25,5% della media Ocse.
Inoltre in Italia il peso maggiore del costo del lavoro è sulle spalle delle imprese, i cui contributi rappresentano il 24,2% del totale, mentre i contributi dei lavoratori pesano per il 7,2% e la tassazione sul reddito per il 16,4%.
Tuttavia nel confronto con gli anni passati, il cuneo fiscale nel nostro Paese risulta diminuito rispetto al 2015 di 0,1 punti per le famiglie e di 0,08 per i single, mentre Francia e Finlandia sono scese rispettivamente di 0,47 e 0,34 punti e di 0,30 e 0,22.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento