domenica, 28 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pdl Cittadinanza. Resta il nodo della Lega
Pubblicato il 26-04-2017


ius soliCittadini nati e cresciuti in Italia, ma di fatto stranieri. Sono anni che la sinistra al Transatlantico promette una riforma in tal senso, senza riuscirci: la pdl sul cosiddetto Ius soli temperato, approvata un anno e mezza fa in prima lettura dalla Camera, a ottobre 2015, è da allora ferma al Senato.
La commissione Affari costituzionali del Senato è stata così convocata questo pomeriggio al termine dell’Aula, intorno alle 18 e si spera che venga superato un altro scoglio, dopo che la relatrice della Pdl sulla cittadinanza, Doris Lo Moro (Mdp), ha espresso parere contrario su tutti gli emendamenti depositati, con parere conforme del Governo. Lo scoglio è rappresentato, non a caso, dalla Lega che ha presentato una pioggia di emendamenti: ben 7.800. Ma a tenere freno al provvedimento anche i centristi di Alternativa popolare che non sembrano condividere molto l’idea di concedere la cittadinanza anche per ius soli.
Grazie alle novità contenute nella proposta di legge potranno richiedere la cittadinanza italiana i minori figli di genitori stranieri di cui almeno uno sia in possesso di permesso di suggiorno Ue di lungo periodo ed il minore che abbia fatto ingresso in Italia entro i 12 anni – o vi sia nato – e abbia concluso almeno un ciclo scolastico nel nostro Paese.
“Per me si può votare anche oggi – ha affermato Doris Lo Moro a PublicPolicy– ma se mi chiede cosa accadrà con gli emendamenti della Lega, se ci sarà o meno un accordo per il loro ritiro, devo dire che è prematuro chiedermelo ora, ne parleremo oggi in commissione”.
A giustificare il no della Lega è arrivata giorni fa la dichiarazione del senatore Roberto Calderoli che dopo la scoperta che l’attentatore di Parigi era francese ha affermato: “Dovrebbe far riflettere seriamente chi, nel Pd, e a sinistra, spinge da oltre un anno e mezzo per accelerare il percorso per la legge sulla cittadinanza – proposta di legge già approvata dalla Camera e che da quasi un anno riesco a tenere ferma – definita ‘ius soli’ ovvero un pacchetto di proposte che accelera e favorisce l’acquisizione della cittadinanza italiana per i figli degli immigrati”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento