mercoledì, 28 giugno 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Arriva l’Italicum bis ma manca l’accordo
Pubblicato il 12-05-2017


Italicum-modificheE’ un “Italicum bis” il primo testo di riforma della legge elettorale. Il relatore Andrea Mazziotti presenta in commissione alla Camera il testo base, che sarà il punto di partenza della discussione tra i partiti. E sceglie di estendere al Senato l’Italicum, la legge della Camera così come corretta dalla Consulta. Un proporzionale quasi puro, che piace a M5s e FI, riuniti in un insolito asse, ma viene bocciato dal Pd, che fino all’ultimo aveva spinto per una correzione maggioritaria. “Il nostro voto non è scontato”, dichiara il capogruppo Ettore Rosato. E Matteo Renzi dichiara scetticismo sulle chance della riforma di arrivare in porto: “Grandi manovre di chi a parole chiede una legge ma non la vuole e perde tempo”.

Il testo base, che dovrà essere emendato con l’obiettivo di arrivare in Aula il 29 maggio, arriva alle 8 di ieri sera, al termine di una giornata convulsa, di scontro acceso tra i partiti. E disegna un sistema proporzionale, con soglia di sbarramento al 3% (al Senato su base regionale) e premio di maggioranza per la lista che raggiunga il 40%. Con la possibilità, però, che un partito ottenga il premio in una sola delle due Camere e dunque comunque non possa governare da solo. I capilista saranno bloccati, gli altri se la giocheranno con le preferenze. Ora saranno gli emendamenti a segnare le posizioni dei partiti ma il Pd potrebbe dire no al testo base – anche se in passato si era detto favorevole all’Italicum corretto – perché se si parte da qui sarà difficile correggere la legge in senso maggioritario.

I radicali italiani, tra cui Riccardo Magi, in una nota apprezzano l’introduzione nel testo depositato in commissione Affari Costituzionali alla Camera “la possibilità per i cittadini di firmare per la presentazione delle liste anche in modalità digitale e la facoltà per i sindaci di delegare i cittadini all’autentica delle firme. Si tratta – afferma Magi – di richieste che avevamo sottoposto al presidente della Commissione Andrea Mazziotti e dunque lo ringraziamo per averle accolte. Al di là dell’impianto generale della legge, che non è certo quello auspicato da noi radicali, queste semplici ma rivoluzionarie riforme aiuterebbero a ottenere condizioni minime di praticabilità democratica, non solo per la fase elettorale ma anche per quella referendaria e di iniziativa popolare. Ecco perché è importante attivarsi affinché l’opzione della firma in modalità digitale e la delega all’autenticazione delle firme siano confermata nel testo che sarà approvato”. “Rappresenterebbe un primo fondamentale passo per riconquistare l’accesso a strumenti democratici, ostacolato da restrizioni irragionevoli, discriminatorie e ormai del secolo scorso”.

Il testo piace a FI, perché va sulla linea data in mattinata da Silvio Berlusconi, durante una riunione con i suoi: proporzionale e contrarietà netta a ogni tipo di “correttivo maggioritario” o a sostituire i capilista bloccati con le preferenze. Una linea che fa infuriare il Pd: “Berlusconi vuole un nuovo Porcellum – afferma Matteo Richetti – su questo non ci può essere intesa. Non pensavamo che la Prima Repubblica tornasse così in fretta”.

I Dem, che non nascondono l’irritazione verso il relatore Mazziotti, restano sulla loro proposta di un sistema sul modello tedesco (o una sorta di Mattarellum corretto): seggi assegnati per il 50% col proporzionale e per il 50% col maggioritario, con soglia di sbarramento al 5%. I collegi sarebbero assegnati a candidati di coalizione: un dettaglio studiato in chiave di dialogo con Giuliano Pisapia, che infatti promuove la proposta Dem, mentre Pier Luigi Bersani e i suoi lo bocciano. Il testo Pd piace alla Lega e ad Ala ma gli altri partiti la bocciano (M5s è contrario ai collegi e FI teme di essere sfavorita al Nord). E in commissione si registra una singolare convergenza anti-Pd tra M5s e Fi: non è – sostengono – un sistema tedesco, ma il “Verdinellum”, sistema voluto da Denis Verdini. I Cinque stelle denunciano “l’inciucio” e fanno un nuovo appello al Pd perché sostenga l’estensione al Senato della legge della Camera.

Alla fine è proprio la linea dell’Italicum corretto a passare: M5s e FI promuovono il testo base, il Pd lo mette “sub iudice”. Ma non farà ostruzionismo e lavorerà per cambiare il testo: “Siamo responsabili”, dichiara Emanuele Fiano.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento