domenica, 28 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Chi salverà la soldatessa Boschi se non se stessa?
Pubblicato il 11-05-2017


Che il bersaglio sia la Boschi ed il suo centro Renzi è di una lapalissiana evidenza, Altrettanto evidente è che se c’era una sola possibilità che Banca Etruria potesse essere salvata la sola esposizione della Boschi come autorevole componente del Governo, avesse o meno messo in atto una qualche pressione, diventava un caso politico ed un bersaglio grosso da dover essere, ancorché valutata tecnicamente,necessariamente esclusa. Ma la radice dell’accanimento è a monte di questi incidenti di percorso ed è nella mancata tutela della dignità politica e personale della Boschi da parte di Renzi. Dopo aver trasformato improvvidamente il referendum del 4 dicembre in un voto sulla sua persona ed averne tratto le conseguenze con le dimissioni da Presidente del consiglio, pari tutela andava riservata alla dignità e coerenza della Boschi protagonista appassionata del processo di riforma senza costringerla a rientrare nel Governo, per giunta con la sgradita impressione di fare da cane da guardia sulla lealtà del Governo Gentiloni fino a suggerirle l’improvvida circolare di una preventiva visione dei provvedimenti da proporre al Consiglio dei Ministri, che piuttosto che a un necessario coordinamento secondo prassi è suonata come censura preventiva e giustamente respinta al mittente. Chi avesse voluto salvare la soldatessa Boschi come aveva fatto per se stesso, avrebbe ora potuto averla al suo fianco come vice-segretaria del partito con le carte un regola di un lavoro esemplarmente svolto con passione e con dei risultati da difendere e rilanciare. Sì perché io ritengo un’imperdonabile omissione non aver rilanciato la necessità di sgombrare il campo almeno dal bicameralismo paritario attraverso un’Assemblea costituente, limitata negli obbiettivi e nei tempi, con i suoi componenti incompatibili con incarichi parlamentari da eleggere in contemporanea con le politiche senza più dirette interferenze con gli equilibri di Governo, causa prima del fallimento di tutti i tentativi messi in atto. Ora che i possibili vincitori sono tre, non dovrebbe essere un dovere di tutti rendere alla luce del sole e col concorso di tutti, senza patti del Nazzareno, governabili e governanti le istituzioni?

Roca

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento