martedì, 23 maggio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dj Fabo, pm chiede archiviazione per Cappato
Pubblicato il 02-05-2017


cappato 2“Restiamo in attesa di poter leggere le motivazioni complete formulate dai pm Tiziana Siciliano e Sara Arduini nella richiesta di archiviazione e della decisione del GIP”. ha dichiarato Filomena Gallo, segretario Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica. La Procura di Milano ha infatti chiesto l’archiviazione per Marco Cappato, indagato per aiuto al suicidio in relazione alla morte avvenuta in Svizzera di dj Fabo a fine febbraio. Dalle indagini condotte dal pm Tiziana Siciliano e Sara Arduini non sarebbero emersi profili penalmente rilevanti nei confronti dell’esponente radicale. La richiesta dovrà ora essere valutata dal gip.
“Prendo positivamente atto della richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Milano dopo le indagini svolte nei miei confronti in merito alla morte di Fabio Antoniani. In attesa della decisione del GIP, posso confermare che è in corso e continuerà l’azione di aiuto alle persone che vogliono ottenere, in Italia o all’estero, l’interruzione delle proprie sofferenze, eventualmente anche attraverso l’assistenza medica alla morte volontaria in Svizzera”, afferma invece Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni.
“Se però le indagini nei confronti di Marco Cappato portassero a una archiviazione con le motivazioni che abbiamo potuto leggere dalle notizie stampa, allora potremmo dire che l’azione di disobbedienza civile di Cappato rappresenta un precedente fondamentale”, afferma ancora Filomena Gallo. I pm Siciliano e Arduini ritengono che Cappato abbia portato dj Fabo in Svizzero proprio per aiutarlo a esercitare il suo diritto “alla dignità umana” che va bilanciato con il diritto alla vita. La Procura ritiene dunque che Cappato abbia svolto una condotta che si è limitata al solo trasporto di chi voleva esercitare un suo diritto.
“La Procura entra infatti nel merito del concetto di vita dignitosa e di principi costituzionali e internazionali che sono anche fonte principale. Ciò significa che Cappato, con la sua azione, ha aperto le porte non tanto e non solo alla possibilità di aiutare le persone affette da malattie irreversibili a interrompere le proprie sofferenze insopportabili in Svizzera, ma a farlo in Italia. È questo l’obiettivo per il quale ci battiamo da sempre”, ha concluso il segretario dell’Associazione Coscioni, Gallo.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento